Sciopero dei medici anche in Trentino

Due giornate di sciopero a tutti i livelli per la categoria, chiaramente con la garanzia dei servizi essenziali. Ecco in comunicato dell'Azienda sanitaria provinciale

I Sindacati Cisl Medici del Trentino – Intesa Sindacale (sindacati rappresentativi dei medici di medicina generale) hanno proclamato uno sciopero della categoria per le giornate del 10 e 11 gennaio 2019.

Aggiornamento: sciopero revocato, sindacati pronti all'accordo

Lo sciopero si svolge a livello di tutta la Provincia di Trento, articolato nei vari settori come di seguito specificato:

medici di assistenza primaria (medici di famiglia): lo sciopero scatterà con la chiusura degli studi, dei medici che vi aderiranno, nei giorni 10 e 11 gennaio 2019 (dalle ore 8 alle ore 20). I medici garantiranno comunque le seguenti prestazioni indispensabili:
1. visite domiciliari avuto riguardo alle condizioni cliniche e alla possibilità o meno di spostamento del paziente;

2. assistenza domiciliare integrata;

3. assistenza domiciliare programmata a malati terminali.

medici di continuità assistenziale (ex Guardia Medica): lo sciopero scatterà dalle ore 20 del 10 gennaio 2019 alle ore 8 dell’11 gennaio 2019. In ogni caso, per le prestazioni indispensabili relative alla continuità assistenziale, sarà mantenuto in servizio il personale convenzionato normalmente impiegato;
medici di emergenza sanitaria: lo sciopero scatterà dalle ore 20 del 10 gennaio 2019 alle ore 8 dell’11 gennaio 2019. In ogni caso, per le prestazioni indispensabili relative all’emergenza sanitaria territoriale, sarà mantenuto in servizio il personale convenzionato normalmente impiegato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come prevedono le norme vigenti saranno garantiti i servizi minimi essenziali e in particolare le urgenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento