Conte al Senato: "Nelle Rsa esplosione incontrollata". Arriva l'app per tracciare gli spostamenti

L'uso dell'app sarà su base volontaria, Conte: "L'unico strumento certo rimane il tampone"

foto: ANSA

Il principio generale della fase 2 sarà la distanza interpersonale, l'uso delle mascherine sarà ampiamente esteso in tutti gli spazi in cui si tornerà a circolare liberamente, mentre la nuova app "Immuni" per il tracciamento degli spostamenti e dei contatti sarà su base volontaria, nessun obbligo. Questi i punti principali del discorso che il premier Giuseppe Conte ha tenuto al Senato nel pomeriggio di martedì 20 aprile.

Conte: "Nelle Rsa un'esplosione incontrollata di casi"

Il presidente del Consiglio ha fatto riferimento anche alle case di riposo, assicurando un'attenzione speciale del Governo e della task force d'emergenza, annunciando inoltre un rafforzamento necessario delle strutture sanitarie territoriali. "Il governo si sta adoperando perché siano rafforzati tutti i servizi di prevenzione e sta sollecitando una rinnovata integrazione tra le politiche sanitarie e quelle sociali, con particolare attenzione a case di cura e residenze sanitarie assistenziali, dove si è verificata, purtroppo, un’esplosione incontrollata dei contagi, specialmente in alcune aree del Paese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'app Immuni: "Tracciamento necessario per evitare la diffusione del virus"

Inoltre, ha detto, occorre un "rafforzamento della strategia di mappatura dei contatti sospetti, il cosiddetto contact tracing, e di teleassistenza con l’utilizzo delle nuove tecnologie. L’immediatezza nell'individuazione dei contatti stretti dei casi positivi e il loro conseguente isolamento sono cruciali per evitare che singoli contagiati possano determinare nuovi focolai. Per questo, un’adeguata applicazione informativa direttamente disponibile su smartphone è uno strumento essenziale per accelerare tale processo". In sostanza, per tracciare chi ha già avuto il coronavirus si userà l'app "Immuni", di cui si è parlato in questi giorni. "Il tracciamento - ha spiegato Conte - è necessario per evitare la diffusione del virus. Ma il suo utilizzo sarà su base volontaria e non ci saranno limitazioni per chi non la scarica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

Torna su
TrentoToday è in caricamento