Porfido: presidio davanti a Confindustria contro tagli agli stipendi

I sindacati: "Scriveremo un documento politico con le controparti che, senza ledere i principi di entrambi, sposti in avanti la disdetta e permetta di entrare in una trattativa complessa"

La situazione, per i lavoratori del porfido, rimane immutata. Il partecipato presidio di questa mattina davanti alla sede di Confindustria del Trentino - circa 200 i presenti con bandiere delle sigle sindacali - è servito a dare forma e compattezza alla protesta. Anche se le parti - sindacati e datori di lavoro delle imprese del porfido - sono lontane.

"Dopo due ore di trattativa abbondante non abbiamo niente. Ognuna delle parti ha espresso al sua posizione", ha detto il sindacalista Cgil Maurizio Zabbeni al termine dell'incontro. Parlando ai lavoratori riuniti a semicerchio, Zabbeni e Fabrizio Bignotti (Cisl), hanno spiegato che "le parti datoriali hanno ribadito di non voler togliere la disdetta all'integrativo. Noi invece non vogliamo ricatti. Il compromesso raggiunto è che scriiveremo un documento politico con le controparti che, senza ledere i principi di entrambi, sposti in avanti la disdetta e permetta di entrare in una trattativa complessa, che deve avere il tempo per arrivare fino in fondo". 

Qualche novità potrebbe già esserci ad inzio della settimana prossima: "Lunedì o martedì proveremo a condividere questo documento, e ci troveremo in assemblea. Il contratto - sottolienano i sindacalisti - quindi non scadrà con il 31 di maggio e vedremo quale altra data ci sarà. A nostro avviso nel settore bisogna miglioare qualità del lavoro e dell'ambiente, e solo così si arriva a prodotti di qualità. Dall'altra parte chiedono invece di inziare a discutere di salari. Noi non rinunciamo alla battaglia o ad andare in Tribunale dove fosse necessario. Se riusciamo ad ottenere un rinvio della disdetta si entra nel merito delle questione. Non si può comunque discutere di qualità del settore togliendo soldi ai lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pastori del Caucaso "terrorizzano" Oltrecastello: passante morso al braccio

  • Paura vicino ai mercatini di Natale, ragazzo accoltellato alla pancia: è grave

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Incidente a Segonzano: ferito 12enne. I vigili del fuoco: "Decima volta in quel punto"

Torna su
TrentoToday è in caricamento