Annata nera per le mele: persi due mesi di lavoro. Sindacati: "Serve un milione di euro"

Rosorse insufficienti e solito "balletto di cifre" per i sindacati che chiedono attenzione, oltre che per le imprese, per i lavoratori stagionali

Annata nera per le mele: mancano ancora un milione di euro per i lavoratori. La denuncia arriva dai sindacati. La Provincia risorse per 3,5 milioni di euro, somma ritenuta insufficiente per coprire tutta la riduzione di reddito sul 2018. Le risorse stanziate sul 2017 sono servite per coprire le 23 giornate di lavoro perse lo scorso anno per le operaie storiche e una tatum per le non storiche, mentre per quanto riguarda il 2018 le giornate di mancato lavoro coperte dalle risorse Pat sono 42.

“Le stime delle aziende, invece, ci dicono che le giornate di mancato lavoro saranno almeno 60 – spiegano i segretari Zabbeni e Bastiani -. Dunque se non vogliamo che a rimetterci siano i lavoratori serve ancora almeno un milione di euro. Ci limitiamo a prendere atto che la Provincia ha trovato risorse aggiuntive per sostenere le imprese, scelta comprensibile nell'ottica di aiutare il sistema trentino ma è necessario che la stessa attenzione venga riservata alle lavoratrici e ai lavoratori che stanno pagando un prezzo molto elevato”.

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Sub tenta di battere il record nel Garda ma muore durante l'immersione

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento