Cucina San Giuseppe / Piazza di Fiera

Trentino da gustare: tutti i prodotti tipici dop, igp e presìdi Slow Food

Dalle celebri mele alla semisconosciuta carne di cavallo affumicata, salume in "via d'estinzione", passando per formaggi, trote ed ortaggi. Ecco le prelibatezze trentine

La Sagra della Ciuìga nel Banale

Trentino terra di vino, ma anche di formaggi, salumi e molto altro, olio incluso. Sono 12 i prodotti a marchio dop o igp che si incontrano viaggiando nelle valli della provincia di Trento. Vere e proprie gemme di gusto, alcune celebri e altre meno conosciute, alle quali si aggiungono altre tipicità del territorio alle quali è stato conferito il titolo di presidio Slow Food. 

I formaggi dop e igp

Tra i formaggi il più caratteristico è sicuramente il Puzzone di Moena dop, in ladino Spretz Tzaorì, ovvero "saporito". A dispetto del nome (al quale, però, è sicuramente legata parte della sua fama) è una vera e propria prelibatezza, anche per i palati più delicati. E' un marchio che il Trentino condivide con il vicino Alto Adige essendo la zona di produzione a cavallo tra le due province. Altro dop caseario è la Spressa delle Giudicarie dop, che porta del nome la zona di produzione. Un formaggio molto saporito. Provatelo nella polenta "concia" e sarà amore al primo assaggio.

Meno tipico ma non meno gustoso il grana trentino, che rientra nel marchio Grana Padano dop, condiviso con Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. Quello trentino, però, ha sicuramente un gusto unico, molto apprezzato. In particolare quello di "alpeggio" prodotto con uno stretto protocollo di qualità da quattro caseifici sociali . Condivisa con il Veneto è la dop dell'Asiago, prodotto principe dell'omonimo Altopiano. Il Trentino rientra a pieno titolo nella zona di produzione di questo formaggio, tra i più celebri a livello nazionale. Il vicino Vezzena è un presidio Slow Food (vedi sotto) ma la domanda per la dop è stata già presentata al Ministero.

Forse non tutti sanno che...

Forse non tutti sanno che anche due prodotti "nazionali" come il provolone e la mortadella possono essere prodotti in Trentino con i marchi dop e igp. Si tratta della Mortadella Bologna igp che può fregiarsi del marchio rilasciato dal Ministero delle Politiche Agricole in ben sette regioni italiane, oltre alla provincia di Trento: Piemonte, Marche, Lazio, Toscana, Lombardia, Veneto e, naturalmente, Emilia Romagna. Queste ultime tre regioni costituiscono, insieme al Trentino, anche la zona di produzione del Provolone Valpadana dop.

Mele, trote e olio

In Trentino non manca niente: il microclima del Lago di Garda assicura alla cucina tradizionale un ingrediente fondamentale, un tocco "mediterraneo" che non può mancare. Il Garda olio dop comprende nella sua zona di produzione la sponda trentina del Benaco, ovvero Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole, dove la coltivazione dell'olivo è una tradizione plurisecolare. Più recente la troticoltura, che in Trentino si è sviluppata a tal punto da dare vita due marchi igp dedicati: Trote del Trentino igp e Salmerino del Trentino igp, entrambi condivisi con la vicina Lombardia. Due marchi, infine, anche per il prodotto probabilmente più rappresentativo del territorio: le Mele del Trentino igp e la Mela della Val di Non dop. Un prodotto talmente tipico da essere diventato uno dei "simboli" del Trentino.

Slow Food e "Arca del Gusto"

Non è finita qui: oltre a dop e igp ci sono anche i presìdi Slow Food. La prestigiosa associazione no profit che si batte a difesa della gastronomia italiana ha incluso nell'elenco delle eccelenze da "proteggere" la Ciuìga del Banale, la Lucanica Trentina, la Mortandela della Val di Non, il Vino Santo Trentino e la Razza Bovina Grigio Alpina, il Trentingrana d'alpeggio, oltre ai già citati Puzzone di Moena e Vezzena. Rientrano nell'Arca del Gusto Slow Food altri prodotti decisamente particolari come l'Asparago di Zambana (per il quale è stata creata anche la De.Co., ovvero Denominazione Comunale), il Botìro (burro) di Malga del Primiero, il Broccolo di Torbole, il Caprino di Cavalese, il Casolét, e la ricercatissima Carne di Cavallo affumicata, oggi prodotta da un'unica macelleria a Rovereto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trentino da gustare: tutti i prodotti tipici dop, igp e presìdi Slow Food

TrentoToday è in caricamento