Vallo-tomo: manifestanti negli uffici del sindaco. "Fissare il diedro subito"

Alcuni manifestanti sono saliti agli uffici del sindaco, che era assente, ed hanno esposto uno stricione sulla facciata del Municipio. Forze dell'ordine antisommossa presidiano l'uscita

Dei manifestanti anti-vallotomo sono entrati questa mattina negli uffici del sindaco di Mori ed hanno affisso al balcone lo striscione usato nelle diverse proteste contro l'opera. "Fissare il diedro", questa la richiesta espressa più volte in seguito alla relazione del professor Barla. "Resistere all'arroganza" è la frase che completa lo slogan a carattegri roossi ed azzurri sul lenzuolo che campeggia ora sulla facciata del Comune.

GLI OCCUPANTI: "Siamo persone ragionevoli, chiediamo di fissare la roccia e ripensare l'opera" CLICCA QUI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri in tenuta anti-sommossa presidiano l'edificio, ma sembra che da entrambe le parti ci sia la volontà di risolvere la situazione in maniera pacifica. Presente sul posto anche il sindaco di Mori Barozzi. Dell'episodio si è parlato oggi in Consiglio provinciale, i consiglieri Manica (PD), Bezzi (FI) e Giovanazzi (AT) hanno espresso preoccupazione per un atto molto grave. Più cauto Degasperi (M5S) “Al momento non mi sembra siano stati commessi reati e prima di prendersela con chi sta protestando farei una riflessione sulle richieste di questi attivisti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

Torna su
TrentoToday è in caricamento