menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caccia all'orsa: protesta sul web

Le reazioni degli animalisti alle dichiarazioni dell'assessore Dallapiccola riguardo all'aggressione di ieri corrono sul web. Secondo l'assessore l'orsa Daniza avrebbe agito in modo "anomalo". La delegata regionale LAC: "Io avrei fatto lo stesso per i miei figli"

"L'orsa madre ha fatto la madre: qualunque madre vedesse un tipo sospetto acquattato dietro un tronco a osservare i suoi cuccioli come minimo lo prenderebbe a ceffoni. Io sono madre e sarei stata francamente molto più aggressiva di mamma orsa!" Non ha mezzi termini la delegata regionale della Lac, Lega per l'abolizione della caccia, Caterina Rosa Marino (clicca qui per leggere la sua lettera), per commentare quello che è successo ieri tra l'orsa Daniza ed il fungaiolo che se l'è trovata improvvisamente davanti, finito all'ospedale con 40 punti di sutura.

Le sue parole sembrano una risposta diretta all'assessore Michele Dallapiccola che ieri ha giudicato "anomalo" il comportamento dell'orsa, visto che l'escursionista si era nascosto dietro un albero a circa trenta metri, ed è stato comunque attaccato. La Lac è tra le associazioni ambientaliste che chiede la revoca della delibera che permette la cattura e anche l'abbattimento degli orsi pericolosi. Un'altra associazione animalista, la Lav, lega anti-vivisezione, ha già presentato un esposto alla Corte dei Conti per la malagestione dei fondi nel progetto Life Ursus.

L'ipotesi di abbattimento resta l'estrema ratio delle operazioni in corso nei boschi sopra Pinzolo per la cattura dell'esemplare, madre di due cuccioli. Qualora l'animale dovesse provocare un imminente, grave e altrimenti non evitabile pericolo per gli operatori il ricorso all'abbattimento è possibile: è quanto recita l'ordinanza firmata dal vicepresidente Olivi questa mattina.

Nel frattempo la protesta corre sul web: su facebook è stato aperto un gruppo che invita a bombardare di mail il presidente Ugo Rossi ed il Ministro dell'Ambiente, ma in primo luogo l'assessore Dallapiccola al quale si rivolge la lettera postata sul web: "Ho letto le sue dichiarazioni, sembra che l'orsa abbia fatto un gesto... inconsulto. Nel senso che l'aggressione è sembrata gratuita. A me sembra invece normale che un animale in natura faccia di tutto, qualora minacciata, per difendere i propri cuccioli. Io spero che non troviate l'orsa. Spero che nemmeno partiate. Spero che se la trovate... non le facciate nulla di male, perché questo atteggiamento di voler risolvere un problema con la violenza e la prigionia è veramente surreale. Le chiedo che l'orsa ed i suoi due cuccioli vengano lasciati in pace nella natura che (prima di tutto) è anche loro." La squadra composta da forestali e guardiaparco dovrebbe infatti partire questa notte per una seconda spedizione, dopo quella andata a vuoto la notte scorsa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento