Primo Maggio: diritti per tutti. I sindacati: "I lavoratori sono tutti uguali"

Questione migratoria al centro dei discorsi dei tre segretari: "La Giunta provinciale divide, serve un sindacato che unisca"

Primo Maggio all'insegna dei diritti. Di tutti: lavoratori, migranti, italiani, stranieri. Questo il filo conduttore della festa organizzata da Cgil, Cisl e Uil al parco della predara. La questione migratoria,con particolari riferimenti alle recenti politiche adottate in materia dalla Giunta provinciale, è stata al centro dei tre discorsi pronunciati dai segretari delle tre sigle sindacali. 

"E' un tema che non va banalizzato o maltrattato  usando in maniera strumentale la paura. L'Europa e' ancora in grado di  di garantire a chi fugge dalla fame, dalle persecuzioni e dalla guerra  un futuro migliore", ha detto Lorrenzo Pomini, segretario della Cisl. Parole alle quali fanno eco quelle dels egretario della Cgil Franco Ianeselli: " "Questa giunta sta lavorando per  dividere, mettere gli uni contro gli altri. Noi pensiamo che non si sta  bene quando i diritti sono solo per pochi, ma quando sono riconosciuti a  tutti. Tutti i lavoratori sono uguali".

Sul palco anche tre lavoratori del sistema di accoglienza, che hanno denunciato i tagli e lo  smantellamento del sistema. "Se lavori nell'accoglienza non sei piu' un  professionista ma vieni ritenuto un buonista o radical chic che dovrebbe 
trovarsi un lavoro vero. Non e' cosi: noi un lavoro vero lo abbiamo e  vogliamo tenerlo", hanno ribadito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicurezza e tagli alle politiche sociali al centro del discorso di Walter Alotti, segretario Uil: "Temo che al di la' delle promesse elettorali avremo tagli non di poco conto. Per quanto ci riguarda saremo vigili perché non si  riducano le risorse alle politiche sociali e del lavoro, a svantaggio di  tutta la comunità. La questione sicurezza sul lavoro è un'emergenza non ancora risolta come dimostrano gli  incidenti delle ultime settimane. Ci preoccupa molto  il lavoro sul territorio dopo la tempesta Vaia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Lavoratori dalla Romania, la Giunta scrive a Roma: ipotesi "quarantena attiva"

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Cristiana Capotondi a Trento: sarà Chiara Lubich

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Merano usano... il freddo!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento