Misure anti-covid, PD: "Come Conte riferisce al Parlamento anche Fugatti coinvolga il Consiglio"

Presentata una proposta di legge per obbligare il presidente a riferire al Consiglio provinciale tutte le decisioni sull'emergenza

Coinvolgere tutto il Consiglio provinciale nelle prossime decisioni su tutto ciò che riguarda l'emergenza covid, restrizioni comprese. E' quelloche chiede il Partito Democratico del Trentino al presidente della Giunta Maurizio Fugatti sul modello di quanto avviene a livello nazionale: "Mentre a Roma una legge, voluta proprio dal PD, prevede che Conte presenti al Parlamento i suoi DPCM, qui in Trentino assistiamo alla sistematica esclusione dal confronto tra Consiglio e Governo".

Il PD trentino ha presentato un'apposita proposta di legge. "Chiedianmo che le ordinanze adottate dal presidente della Provincia nell’ambito dell’emergenza sanitaria siano illustrate preventivamente al Consiglio provinciale, al fine di tenere conto degli eventuali indirizzi formulati dallo stesso. Ove questo non fosse possibile per ragioni di urgenza connesse alla natura delle misure da adottare, il disegno di legge prevede che il presidente della Provincia possa riferire al Consiglio entro quindici giorni dalla loro adozione" spiega il consigliere Giorgio Tonini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento