menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cultura: tagli del 30% sugli investimenti nella finanziaria provinciale

Il Trentino investe in Cultura lo 0,4% del Pil rispetto allo 0,1% della media nazionale, ricorda l'assessore Mellarini, ma anche nel bilancio provinciale le voci legate alla cultura vedono riduzioni drastiche: se la parte di gestione rimane invariata, quella degli investimenti è ridotta di un trzo

Se è vero, come ha spiegato l'assessore Tiziano Mellarini, che il Trentino è al di sopra della media nazionale per investimenti alla cultura (se lo Stato investe lo 0,1% del Pil la Provincia ne investe lo 0,4%) è anche vero che le risorse destinate alla cultura stanno calando. I tagli più significativi, previsti dalla manovra di assestamento di bilancio 2014, riguardano la parte di investimenti in promozione (da 20 milioni a 13, ovvero meno 32,3%) in cui rientrano le attività culturali dirette o soggette a contributo, così come il settore degli investimenti per la tutela, conservazione e valorizzazione dei beni culturali, anche in questo caso una riduzione del 30%, da 14 a 10 milioni di euro. La parte corrente vede invece riduzioni minime: meno 4,1%per gli enti culturali e meno 7,2% per la gestione, ordinaria, dei beni culturali, dagli edifici storici agli archivi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento