menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ddl porfido, lavoratori in aula: "Revoca della concessione dove c'è lavoro nero"

Ieri l'incontro con alcuni imprenditori, oggi la presenza in aula di un folto gruppo di lavoratori e sindacalisti. La discussione procede a rilento con oltre 400 emendamenti delle minoranze

Seduta affollata questa mattina per il Consiglio provinciale,dove è in corso la  discussione dei due disegni di legge, quello unificato Olivi-Viola e quello di De Gasperi, sul lavoro nel settore porfido e sulle concessioni delle cave. Fin dalla mattina una folta rappresentanza di lavoratori del settore ha seguito la discussione dalle tribune dell'aula consiliare.

I lavori sono stati sospesi da metà mattnata fino alle 15  per permettere un incontro con i capigruppo, ed uno con i lavoratori ed i sindacati, aperto a tutti i consiglieri. La posta è  alta: riformare un  settore in cui, come da anni denunciano alcuni sindacati ed anche alcuni sindaci dei comuni interessati, c'è un'alta percentuale di lavoro nero, infortuni e dure condizioni di lavoro.

"Prevedere la revoca della concessione per una cava dove c'è lavoro nero o un morto sul lavoro è una questione di banale civiltà" ha detto mmaurizio Zabbeni della Cgil, chiedendo ai consiglieri un "atto di responsabilità". A preoccupare sindacati e lavoratorri è un incontro, che si è svolto nel tardo pomeriggio di ieri, tra i firmatari dei Ddl ed alcuni imprenditori del settore porfido.

A rallentare la discussione ci sono 400 emendamenti presentati da consiglierri di minoranza, tra cui Bezzi, Cia e Fugatti, che chiedono meno regole ed una semplificazione burocratica; per il capodruppo leghista le sanzioni previste dal Ddl Olivi avrebbero una "volontà punitiva", prevedendo anche controlli di polizia, nei confronti di un settore già in crisi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento