Olivi contro gli usi civici: "Le cave sono di tutti, servono regole comuni"

"Le concessioni devono essere le stesse, indipendentemente dal comune, e dev'esserci un'autorità è provinciale garant" questa l'ipotesi lanciata dall'assessore allo sviluppo economico al Tavolo del Porfido e della Pietra riunitosi ieri

"Metterò allo studio un’ipotesi per cui le regole sulle concessioni devono essere le stesse per tutti, indipendentemente dal comune; stiamo parlando di beni collettivi, cioè di tutti" così ha dichiarato l'assessore Olivi al Tavolo di coordinamento del porfido e delle pietre riunitosi ieri presso l'Associazione industriali. Le concessioni delle cave sono infatti ancora legate alla regolamentazione degli usi civici, la proposta di Olivi è quella di imporre standard comuni, come una quota minima annuale di "scavato" uguale per tutti, modificando la normativa attuale. L'assessore ha parlato anche di incentivi per favorire la collaborazione tra le varie imprese attraverso la fondazione di consorzi e dell'idea di creare un'autorità provinciale garante unica per le concessioni estrattive. 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento