rotate-mobile
Economia Riva del Garda

I campeggiatori del Garda esclusi dal consorzio

Albergatori open air, a cielo aperto, ma a tutti gli effetti operatori del settore turistico: così si definiscono i campeggiatori del Trentino, che ora chiedono di essere inclusi nel Consiglio di Amministrazione di un importante consorzio turistico: Ingarda, l'ente che riunisce i vari attori del settore sul Garda trentino.

La richiesta arriva dal presidente provinciale di Faita Fabio Poletti, molto critico nei confronti del consorzio: “Se vogliamo che il risultato sia il migliore possibile dobbiamo essere rappresentati da persone che vivono tutti i giorni sulla loro pelle i problemi del turismo e non da chi solo “apparentemente” lavora nel turismo".

"Asat ed Unat, con tutto il rispetto, rappresentano gli albergatori - prosegue il presidente - e non altri settori, altrettanto importanti nella filiera del turismo”. Si chiede dunque che Ingarda modifichi lo statuto per prevedere la presenza di almeno un rappresentante della categoria, anche in vista dell'intoduzione della tassa di soggiorno il prossimo autunno, che vede i campeggiatori nettamente contrari. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I campeggiatori del Garda esclusi dal consorzio

TrentoToday è in caricamento