Domenica, 21 Luglio 2024
Il caso

Abbattimento dell'orsa F36, gli animalisti: "Siamo preoccupati"

Leal ha presentato una richiesta di accesso agli atti dopo la richiesta fatta dalla Provincia a Ispra per l'uccisione dell'animale

Fugatti ha deciso di uccidere anche l'orsa F36 e firma l'ordinanza 

F36, l’orsa che lo scorso 30 luglio ha inseguito due giovani cacciatori a Mandrel, vicino Roncone, è nel mirino della Provincia. Come noto, infatti, Piazza Dante ha avanzato una richiesta all’Ispra per l’abbattimento di questo esemplare che, fino a quel momento, non aveva mai assunto atteggiamenti aggressivi o comunque confidenti.

L’associazione animalista Leal, in questo senso, è pronta a dare battaglia alla Provincia, tanto che, come ha confermato il presidente Gian Marco Prampolini, è stata depositata una richiesta di accesso agli atti per conoscere l’esito dell’esame genetico e i verbali redatti dal Servizio foreste e faunistico in occasione dell’incontro tra gli escursionisti e l’orsa, la documentazione relativa all’eventuale radiocollaraggio e abbattimento di F36 e nello specifico la copia del parere Ispra. 

Come una seconda JJ4: animalisti in campo per F36

“Siamo seriamente preoccupati per le soluzioni drastiche che Fugatti vuole intraprendere nei confronti di orsi e lupi senza che nessuno, nemmeno da Roma, lo fermi. Vogliamo anche sapere se l’orsa F36 sia già stata catturata e in caso affermativo chiediamo la scheda di cattura. Intendiamo intraprendere ogni via legale per fermare le decisioni del presidente della Provincia di Trento” continua Prampolini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbattimento dell'orsa F36, gli animalisti: "Siamo preoccupati"
TrentoToday è in caricamento