Messner: "In estate tanti turisti, pensavamo fosse tutto finito ed ora siamo in lockdown"

Il Re degli Ottomila a Radio Rai 1 parla della situazione in Alto Adige

"Quest'estate ci sono stati tantissimi turisti, eravammo contenti che la gente cercasse tranquillità e salute in montagna, ma questo ci ha portati a pensare che andasse tutto bene". Reinhold Messner parla ai microfoni di Radio Rai 1 dall'Alto Adige "zona rossa". Il grande alpinista è stato intervistato dalla trasmissione Radio anch'io, per parlare della situazione covid.

Non solo turismo: "Sono arrivate moltissime persone dall'Est Europa per la raccolta delle mele e quindi adesso siamo in questa situazione, ma il nostro presidente sta reagendo e correndo ai ripari prendendo decisioni drastiche". Dal 14 novembre sono infatti entrate in vigore ulteriori restrizioni decise dal governatore Kompatscher.

Messner riferisce si essere in casa, come tutti gli altoatesini. Fortunatamente, spiega, "vivo su uno spuntone di roccia e quindi posso uscire e camminare in montagna per tutto il giorno senza vedere nessuno ma qui la gente soffre perché da noi è lockdown". Nel weekend del 20/22 novembre l'Alto Adige ha organizzato lo screening diffuso sulla popolazione: saranno somministrati 350.000 tamponi in tre giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento