Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

Giorno del ricordo, la testimonianza degli esiliati di fronte agli studenti

Loretta Durin, esodata all’età di nove anni, e Roberto de Bernardis, figlio di esuli istriani, hanno raccontato la loro storia alla Consulta degli studenti di Trento

Memoria, sofferenza, pudore, ma anche dignità, rispetto per gli altri e ricostruzione. Sono queste le parole emerse dai racconti di Loretta Durin, esodata all’età di nove anni, e Roberto de Bernardis, presidente dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia del Trentino e figlio di esuli istriani.

Le loro testimonianze sono state ascoltate mercoledì 16 febbraio presso il Dipartimento istruzione e cultura della Provincia a Trento dalla Consulta degli studenti. L'evento è stato organizzato in occasione del Giorno del ricordo del 10 febbraio, solennità civile nazionale per i massacri delle foibe e l'esodo giuliano dalmata. "Una delle pagine più dolorose del nostro dopoguerra", nelle parole dell’assessore all’Istruzione, cultura e università Mirko Bisesti.

Giorno del Ricordo: la Provincia conferisce l'Aquila di san Venceslao all'associazione degli esuli

Loretta Durin, nata a Pola nel 1938, ha ripercorso gli anni della sua infanzia, durante i quali, assieme alla sua famiglia, ha dovuto abbandonare la sua città natale per intraprendere un percorso di sradicamento che si è concluso con l’insediamento della famiglia Durin nella città di Trento.

Ha parlato dell’importanza dei legami familiari, della consapevolezza delle proprie origini e della volontà di costruirsi un proprio destino con dignità e con curiosità nei confronti di ciò che non conosciamo, ribadendo l’importanza dello studio e della formazione individuale. 

Bisesti annuncia viaggi scolastici (quando si potrà) sui luoghi delle Foibe

Roberto de Bernardis, presidente dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia del Trentino, ha a sua volta portato la testimonianza della sua famiglia, ripercorrendo i fatti sia dal punto di vista storico che emotivo.

In chiusura di mattinata, è intervenuto il direttore della fondazione museo storico del Trentino Giuseppe Ferrandi: “Ricordare e approfondire gli avvenimenti del dopoguerra sul confine orientale rappresenta una sorta di risarcimento morale che noi tutti dobbiamo alle migliaia di persone coinvolte in questi tristissimi avvenimenti”.  

Al via la riqualificazione di largo Pigarelli, luogo della memoria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorno del ricordo, la testimonianza degli esiliati di fronte agli studenti
TrentoToday è in caricamento