menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'assessore: "Sosteniamo Aquila e Trentino Volley". La polemica: "Si pensi alle piccole società"

La replica dell'US Villazzano all'appello dell'assessore: "Pensi prima alle società dilettantistiche"

Sostenere lo sport insieme: sì, ma non solo Trentino Volley e Aquila Basket. Scoppia la polemica dopo l'appello dell'assessore comunale allo Sport Tiziano Uez che, in questi tempi di emergenza, chiede ai trentini di "non far mancare il supporto a due società che non sono solo il blasone sportivo della città, ma significano anche posti di lavoro, occasioni di socializzazione e di crescita sociale".

L'appello, "caloroso e sentito" come scrive l'assessore, è rivolto agli sponsor, attuali e futuri, affinchè sostengano economicamente le due grandi società sportive in questo periodo di blocco totale. "Sosteniamo lo sport di squadra della città. Continuiamo a supportare le due società che fanno conoscere il nome di Trento in Italia e in Europa", scrive Uez.

Immediata ed infuriata la reazione dell'US Villazzano, ma possiamo immaginare che il pensiero sia più o meno lo stesso per altre società dilettantistiche. "Ci saremo aspettati da un’Assessore comunale allo sport una particolare sensibilità e un pensiero anche e soprattutto alle centinaia di piccole società che corrono il rischio di andare in crisi profonda, di poter sparire dal panorama cittadino e che finora sono sopravvissute per il grande sacrificio personale di  Presidenti dirigenti, allenatori ed atleti ed atlete di ogni età", scrivono i vertici della società sportiva dilettantistica.

"Già per queste società l’aiuto pubblico si è ridotto negli anni, il costo degli impianti è andato ad aumentare e l’apporto degli sponsor molto marginale. Solo la collaborazione, soprattutto economica, delle famiglie ha permesso la sopravvivenza di queste indispensabili realtà che incarnano l’essenza dello spirito sportivo, che è anche alimento per le attività sportive di vertice", conclude la nota.

L'assessore ha diffuso, in seguito, una mail con una precisazione: "In un momento di grande difficoltà come questo è con la coesione e non rimarcando le differenze che si ottengono dei risultati utili a tutti. E' sottinteso che l'amministrazione comunale è a difesa della pari dignità di tutto lo sport, senza distinzioni di serie A o serie B. E' evidente però che la dimensione economica delle squadre professionistiche ha approcci, contenuti e collegamenti differenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento