menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ultima di campionato per il Trento, futuro incerto per Petrollini

Per il momento si tratta solamente di indiscrezioni, secondo le quali il proprietario della società, l'imprenditore mantovano Pier Vittorio Belfanti, parrebbe non intenzionato a rinnovare l'incarico al dirigente umbro

Onorare sino all’ultimo secondo il campionato per poi tuffarsi, anima e corpo, sui prossimi spareggi promozione. E’ questo l’obiettivo del Calcio Trento che domenicai, con calcio d’inizio alle ore 16, sarà ospite del già retrocesso Vallagarina in quella che vale come ultima giornata di campionato. 

“Dopo la sciagurata prestazione che abbiamo offerto in quel di Termeno mi sembra che già con il Maia Alta si sia tornata a vedere quella squadra che dallo scorso gennaio sta regalando diverse soddisfazioni ai propri tifosi- spiega Marco Melone, allenatore dei gialloblù. Da un paio di settimane, per la precisione da quando abbiamo avuto la certezza matematica di aver conquistato la seconda posizione in graduatoria, stiamo lavorando in modo particolare soprattutto dal punto di vista fisica. Diciamo che la nostra volontà sarebbe quella di riuscire a fare una sorta di nuova preparazione, sulla falsa riga di quella estiva, che ci permetta di scendere in campo il 3 giugno- data del primo spareggio- al massimo della forma”.
 
E’ quindi fisiologica che la squadra possa risentire di questo carico  e possa essere più lenta e impacciata: “Ovviamente sono tutti aspetti che abbiamo messo in preventivo- riprese l’allenatore della società di via San Severino- e non vorrei che venissero fraintesi dalle altre squadre che stanno partecipando al campionato d’Eccellenza. Noi abbiamo raggiunto il nostro primo obiettivo e ora siamo proiettati verso degli impegni molto probanti che saranno tra venti giorni. Ci troviamo insomma in una situazione molto particolare ma posso assicurarvi che non regaleremo niente a nessuno”.
 
E’ però molto probabile che contro il Vallagarina Melone possa dare spazio alle cosiddette secondo linee: “Chiaramente qualche giovane che non ho potuto impiegare nel recente passato sarà gettato nella mischia, ma non si tratta certo di giocatori sprovveduti, anzi. Penso che in partite come quella che ci attende possano avere molto più motivazioni dei quasi esordienti che i titolari”.
 
Intanto sembra che il futuro dell’attuale direttore sportivo gialloblù, Gianni Petrollini, sarà distante dal Trento. Per il momento si tratta solamente di indiscrezioni, indiscrezioni secondo le quali il proprietario della società, l’imprenditore mantovano Pier Vittorio Belfanti, parrebbe non intenzionato a rinnovare l’incarico al dirigente umbro. Nei prossimi giorni sono attese novità ufficiali.
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento