Politica

Zoller (Psi): "Il referendum? Ora i costi li paghi la Lega"

Il consigliere della Comunità Vallagarina e responsabile Psi in Trentino commenta: "Sarebbe da proporre una class action contro i tre 'Garanti' che hanno ammesso senza argomenti giuridici un referendum inutile"

Se la consultazione referendaria sulle Comunità di Valle è costata due milioni di euro, "i costi politici dovrebbero pagarli i proponenti della Lega". Lo afferma Nicola Zoller, consigliere della Comunità Vallagarina e responsabile Psi in Trentino, nel chiarire come per i costi economici "sarebbe da proporre una class action contro i tre 'Garanti' provinciali che hanno ammesso senza solidi argomenti giuridici un referendum inutile".  I Garanti, sarebbero i componenti dell'organo di controllo che ha validato le firme e dato il via libera alla consultazione, composto dal presidente Paolo Giangaspero, Maurizio Manzin e dall'avvocato Maurizio Tosadori

"La saggia popolazione trentina ha respinto massicciamente la proposta referendaria della Lega - chiarisce Zoller -. Ma chi paga per questa specifica vicenda referendaria che avevamo denunciato argomentatamente sui giornali trentini del 27 aprile come operazione fuori luogo?".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zoller (Psi): "Il referendum? Ora i costi li paghi la Lega"

TrentoToday è in caricamento