Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Trento, l'impresa Boccher si è aggiudicata i lavori di piazza Mostra per un milione e 300mila euro

Il bando è stato vinto con un ribasso d'asta dell'8,863%, l'intervento inizierà in primavera

Il cambiamento previsto su piazza Mostra a Trento

Sarà l'impresa Boccher di Borgo Valsugana a eseguire i lavori previsti dal progetto di riqualificazione di piazza Mostra, a Trento, dalla primavera del 2021. La notizia è arrivata direttamente dal Comune di Trento il 7 dicembre. L'impresa si è aggiudicata l'appalto, del valore di 1 milione e 500 mila euro, con un ribasso dell'8,863%. I lavori, compresi gli oneri di sicurezza, costeranno dunque alle casse comunali 1 milione e 300 mila euro. Dieci le offerte presentate entro il termine del primo dicembre, ma sei di queste sono state escluse per anomalia. L'aggiudicazione è avvenuta con il criterio del prezzo più basso. Il contratto con la ditta Boccher sarà formalizzato dopo le verifiche previste dalla procedura di gara.

I lavori di riqualificazione della piazza dureranno un anno e mezzo e saranno eseguiti in fasi diverse, in modo da ridurre al minimo i disagi. Il cantiere interesserà dunque in tempi differenziati la strada e le diverse porzioni di piazza, con una tempistica che sarà comunicata nelle prossime settimane. Dopo i lavori, sottolineano dall'ufficio stampa del Comune, piazza della Mostra non sarà più un vuoto urbano, ma uno spazio armonico e ordinato, capace di dialogare tanto con il Castello del Buonconsiglio e le elementari Sanzio disegnate Adalberto Libera quanto con i negozi e le attività sul lato ovest.

Il progetto che trasformerà quella parte della città è dell'architetto Michele Andreatta, vincitore del concorso di progettazione bandito dall'Amministrazione comunale. Le tavole di Andreatta delineano tre nuclei: una piazza-salotto, affacciata sul Castello, con in bella evidenza il sarcofago romano oggi quasi invisibile. Uno spazio pedonale che attraversa via Bernardo Clesio in corrispondenza della porta San Vigilio e arriva, con una rampa del tutto sbarrierata, davanti alla porta San Martino, che dovrebbe diventare il nuovo ingresso del Castello. Infine, il terzo spazio, quello a ovest, con i 21 parcheggi per residenti lungo la strada di accesso, la postazione per il bike sharing, il marciapiede allargato per valorizzare le attività commerciali.

Il progetto propone un intervento anche su Piazza Raffaello Sanzio in modo da dare continuità e completezza all’intervento, ripristinando la sistemazione esterna originale. Si prevede di ampliare la zona pedonale davanti alla porta est delle scuole portando a raso dei marciapiedi la zona carrabile che conduce in via Torre d’Augusto. L’intero ambito prospiciente le scuole verrà ri-pavimentato in cubetti di porfido in maniera da unirlo all’area pedonale di via San Martino appena conclusa. Per le pavimentazioni si prevede l’utilizzo di pietre locali come il Rosso Trento, il Verdello e il Porfido Trentino. I cordoli delle zone verdi sono stati concepiti come un nastro continuo in pietra, realizzato con blocchi monolitici in pietra massello Rosso Trento. Il progetto prevede il mantenimento delle alberature esistenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trento, l'impresa Boccher si è aggiudicata i lavori di piazza Mostra per un milione e 300mila euro

TrentoToday è in caricamento