menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lega: "Armi più facili da ottenere". La prima firma è dell'onorevole trentina Cattoi

Dopo la legittima difesa un altro Ddl per ottenere più facilmente armi da difesa, ma Salvini frena: "non voglio mezza pistola in più in giro"

Armi da fuoco più facili da ottenere, per la difesa personale. La prima firma sulla proposta di legge presentata dalla Lega è dell'onorevole trentina Vanessa Cattoi. "Procurarsi un'arma da fuoco, nel nostro Paese - dice la deputata leghista- non è un'operazione molto semplice, almeno per chi vuole farlo nel rispetto delle norme vigenti, perché le licenze concesse per la detenzione di armi in casa sono poco più di 5 milioni, il che significa che un italiano su dieci è in condizioni di utilizzare un'arma, anche se il numero delle licenze che consentono a coloro che le acquistano di portarle con sé è largamente inferiore. Esistono norme molto restrittive anche sull'acquisto di cartucce e di munizioni".

Lega e porto d'armi: ecco cosa sta succedendo alla Camera

"Ai sensi della normativa vigente - prosegue Cattoi - sono considerate armi comuni da sparo, oltre ai fucili, alle rivoltelle e alle pistole a funzionamento semiautomatico, anche le armi denominate 'da bersaglio da sala', quelle ad emissione di gas, nonché quelle ad aria compressa o gas compressi, i cui proiettili eroghino un'energia cinetica superiore a 7,5 joule". L'idea è di alzare il limite a 15 joule. In questo modo, teoricamente, potrebbe bastare la maggiore età. 

Salvini: "Non voglio in giro mezza pistola in più"

La proposta arriva dopo l'approvazione della legge sulla legittima difesa e da molti è vista come il completamento della stessa. A frenare però è il leader dello stesso partito, Matteo Salvini, che oggi ha dichiarato: "Per quel che mi riguarda che la legittima difesa non significa maggiore diffusione di armi, per me la partita si è chiusa con ieri, non voglio in giro mezza pistola in più". Insomma, una proposta interna alla Lega che però non sembra essere appoggiata dal segretario del carroccio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi, oltre 300 nuovi casi

  • Attualità

    Incendio di Rovereto, circa 30 le persone evacuate e assistite

  • Attualità

    Focolaio San Bartolomeo, in isolamento 242 persone

  • Cronaca

    Infortunio sul lavoro: giovane elitrasportato in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento