rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
L'intesa

Il nuovo accordo Provincia-Trenitalia per oltre 250 milioni

Presentata l’intesa tra l’amministrazione provinciale e la società del Gruppo FS

Tredici nuovi treni, 88 corse ferroviarie al giorno per 2 milioni di treni chilometri effettuati all’anno e investimenti per 178 milioni di euro. La Provincia autonoma di Trento e Trenitalia, società capofila del Polo Passeggeri del Gruppo FS, hanno siglato il nuovo Contratto di Servizio 2024-2033 per la gestione dei servizi ferroviari lungo le linee Verona-Trento e Trento-Bassano del Grappa. Un affidamento con il quale l’Amministrazione impegna nei suoi bilanci da qui al 2033 una somma totale (corrispondente al valore economico complessivo del contratto) pari a 254,4 milioni di euro con l’obiettivo di migliorare la qualità del trasporto ferroviario sull’intero territorio provinciale.

L’intesa è stata illustrata questa mattina a Trento, presso il Palazzo della Provincia, dal presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, dall’assessore provinciale Mattia Gottardi e dall’amministratore delegato e direttore generale di Trenitalia, Luigi Corradi. Presenti anche il dirigente generale Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia, cooperazione della Provincia, Roberto Andreatta; Stella Giampietro, Giorgia Gori e Ilaria Zomer del Servizio mobilità pubblica provinciale; Maria Annunziata Giaconia, Direttore Business Regionale e Sviluppo intermodale di Trenitalia e Roger Hopfinger, Direttore Regionale Trentino Alto Adige-Südtirol di Trenitalia.

Gli investimenti per complessivi 178 milioni di euro hanno l’obiettivo di migliorare la qualità del trasporto ferroviario sull’intero territorio provinciale, e guardano con particolare attenzione all’utenza pendolare e ai prossimi giochi olimpici del 2026. “Il trasporto ferroviario - così il presidente della Provincia Maurizio Fugatti - è essenziale per il Trentino, perché consente di avere connessioni efficienti, di accorciare le distanze e unire i territori. L’accordo decennale con Trenitalia va in questa direzione, con un impegno importante da parte della Provincia per favorire importanti investimenti per i nuovi treni e sviluppare l’offerta a 360 gradi. Con un’attenzione a tutte le categorie e in particolare per chi si sposta quotidianamente sulla ferrovia dando il proprio contributo ad una mobilità sempre più sostenibile”.

“Con l’importante investimento che mettiamo in campo vogliamo innalzare la già buona qualità dei nostri trasporti ferroviari ed offrire ai nostri cittadini e ai tanti turisti del territorio un servizio moderno e sempre più efficiente - le parole dell’assessore provinciale all’urbanistica, energia e trasporti, Mattia Gottardi -. In tal senso la continuità della collaborazione con Trenitalia, con cui abbiamo lavorato in modo ottimale in questi anni, offre ampie garanzie anche sulle partite importanti legate agli interventi infrastrutturali che interesseranno il nostro territorio”.

“Il contratto di servizio decennale siglato con la Provincia autonoma di Trento renderà il servizio sul territorio ancora più efficiente, sostenibile e di qualità. Trenitalia sta investendo nel rinnovo del trasporto regionale più di 1 miliardo di euro all’anno: un investimento che contribuirà a portare, anche in Trentino, treni di nuova generazione che renderanno la flotta sempre più giovane e rappresenteranno un beneficio per i viaggiatori pendolari e per tutti coloro che vorranno scoprire la regione in treno”, ha dichiarato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia, Luigi Corradi.

Il valore economico complessivo del contratto è pari a 254,4 milioni di euro (+ Iva  al 10%). I treni chilometro effettuati all’anno passeranno dagli attuali 1,74 milioni programmati per il 2024 a 1,97 milioni nel 2025 e per gli anni a seguire. Saranno 88 le corse nei giorni feriali lungo la ferrovia del Brennero e lungo la ferrovia della Valsugana (per quest'ultima sono attive anche ulteriori 24 corse svolte da Trentino Trasporti).

Gli investimenti sono destinati a migliorare l’offerta dei servizi ai pendolari; parte consistente dei circa 178 milioni di euro sarà, infatti, destinati all’acquisto e messa in servizio di nuovi treni di ultima generazione, più confortevoli e che consumano meno. Entro il 2027 tredici nuovi convogli saranno operativi lungo le linee ferroviarie provinciali. Si tratta nello specifico di tre treni “Rock” (capacità 1200 posti), sei treni “Pop” e quattro treni “Blues” (oltre 500 posti ciascuno), che andranno ad abbassare l’età media della flotta regionale a 7 anni dagli attuali 12,3; garantendo oltre 8.600 nuovi posti con un conseguente incremento passeggeri previsto al 3,3% di media annua sull’intero periodo contrattuale. Una parte dell’investimento di Trenitalia riguarderà il miglioramento delle attività industriali con investimenti sulla manutenzione ed il miglioramento del parco esistente e per lo sviluppo di nuove tecnologie.

La scelta della Provincia Autonoma di Trento di affidare a Trenitalia il servizio regionale per dieci anni è supportata anche dal miglioramento delle performance. Dal 2018 al 2023 la soddisfazione dei viaggiatori che usufruiscono dei servizi regionali è aumentata nel complesso del 3,2%. Tutti gli indicatori della percezione della clientela sono in miglioramento. In dettaglio: la permanenza a bordo - dando seguito al trend in atto da anni – è cresciuta del 2,3% e ha toccato quota 96,5%; + 4,4 per la puntualità, +2,80% per la pulizia e +2,30% per il comfort. La puntualità effettivamente registrata ha superato l’89%, ma l’indice sale al 95,2% considerando solo le cause imputabili a Trenitalia.

Nell’ambito del nuovo Contratto di Servizio grande attenzione sarà posta alle iniziative di promozione e sviluppo turistico del territorio, attraverso i servizi regionali ferroviari o intermodali, con l’obiettivo di valorizzare i beni culturali e naturalistici trentini. In tale ottica si inserisce la pubblicazione “Trentino Alto Adige in treno”, della collana “I Regionali da Vivere”, creata da Giunti Editore e Trenitalia, che accompagna i viaggiatori alla scoperta delle bellezze locali raggiungibili in treno.

Gli investimenti del nuovo accordo sono parte del Piano Industriale 2023-2031 del Gruppo FS Italiane che si conferma al centro del sistema della mobilità del Paese e gioca un ruolo chiave nel suo rilancio e sviluppo, in un’ottica di integrazione tra diverse infrastrutture e modalità di trasporto all’insegna della sostenibilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo accordo Provincia-Trenitalia per oltre 250 milioni

TrentoToday è in caricamento