menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti: se il cassonetto è lontano dal punto di raccolta, paghi di più

Lo ha deciso il Comune: se i contenitori distano più di 10 metri dal punto in cui si ferma il camion della raccolta, scatterà una tariffa che crescerà assieme alla distanza che gli operai dovranno colmare a piedi

Che le casse del Comune non fossero proprio floride lo si sapeva: il trasporto pubblico subirà un aumento di circa il 10%, mentre i bliglietti per accedere agli impianti sportivi cresceranno del 3% e le rette degli asili nido saranno calcolate non più con l'Isee ma su base Icef (altro aumento). Ma che si dovesse introdurre una gabella sulla distanza dei cassonetti dei rifiuti dal punto di raccolta, certo rappresenta una curiosa novità.

Lo ha deciso la giunta comunale nella seduta di lunedì, quando si stabilito che se i contenitori per la spazzatura distano più di 10 metri dal punto in cui si ferma il camion della raccolta, scatterà una tariffa che crescerà assieme alla distanza che gli operai di Dolomiti energia dovranno colmare a piedi. I costi, se il vostro vialetto è particolarmente lungo, potrebbero anche essere salati: da 10 euro fino a 223 euro per il residuo, da 20 euro a 445 euro per l'organico, da 5 a 11 euro per il vetro, da 17 a 365 euro per la carta.
 
Si tratta comunque di un esempio tra i tanti: aumenti (la forbice potrà variare dai 25 ai 150 euro) scatterranno infatti anche per gli artigiani e i commercianti che devono presentare una dichiarazione di inizio attività: ma anche per i professionisti che lavorano nel settore dell'edilizia, come nel caso di una proroga del termine dei lavori (50 euro). 
 
Una crisi che tocca tutti, perfino il caro estinto: i titolari di tombe di famiglia pagheranno 120 euro, quelli che possiedono un posto in terra e in muratura 30 euro. Un contributo per le spese di manutenzione, pulizia e illuminazione. 
 
La posta elettronica (quindi il bonifico o la carta di credito) saranno invece i nuovi strumenti che i cittadini dovranno utilizzare per pagare il rilascio di documenti con importi superiori ai 12 euro. Salgono anche i costi per il noleggio di sale di rappresentanza (palazzo Geremia, palazzo Thun, Torre Mirana, Villa de Mersi per matrimoni) e per le sale cicoscrizionali e gli spazi del centro musica. Ad aumentare più di tutto (cioè di quarantasette euro) rispetto a prima è la pulizia dei muri se ve li ritrovate imbrattati con scritte a boboletta o vernice: la chiamata e l'intervento vi alleggeriranno il portafoglio di 150 euro.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento