Economia

Acciaierie Valsugana: operai in sciopero per chiedere più sicurezza

"La sicurezza sul lavoro deve essere una priorità", sottolineano i sindacati, che hanno chiesto un incontro all'azienda dopo che il 12 aprile una caldaia con più di 90 tonnellate di acciaio liquido rischiò di cadere sugli operai per un cedimento della gru

Le acciaierie di Borgo Valsugana

Uno sciopero di 24 ore alle Acciaierie di Borgo Valsugana è stato proclamato dai sindacati Fim e Fiom del Trentino. L'agitazione è iniziata al terzo turno di questa notte e prosegue oggi nei turni di mattina, giornata e fine lavori. "La sicurezza sul lavoro deve essere una priorità", sottolineano i sindacati, che hanno chiesto un incontro all'azienda il 7 maggio, dopo che il 12 aprile una caldaia di colata con più di 90 tonnellate di acciaio liquido a 1.600 gradi, rischiò di cadere sugli operai per un cedimento della gru. Poteva essere una situazione simile a quella che ha coinvolto i quattro operai rimasti ustionati, tre in modo molto grave, in un incidente avvenuto all'interno delle Acciaierie Venete, a Padova. In base a una prima ricostruzione, i lavoratori sarebbero infatti stati investiti da un colata di materiale incandescente. "La questione della sicurezza va affrontata con controlli, investimenti e una diversa cultura" aggiungono i sindacati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acciaierie Valsugana: operai in sciopero per chiedere più sicurezza

TrentoToday è in caricamento