Rifugi: chiusa una stagione da 55.000 pernottamenti, il 70% nell'area dolomitica

Chiusa ufficialmente la stagione, anche se quattro rifugi vicini agli impianti rimarranno aperti, ecco i dati di un'estate da record

Una stagione estiva molto calda e prolungata,  pertanto decisamente positiva quella dei 33 rifugi trentini gestiti dalla SAT. I gestori si sono ritrovati per tracciare un bilancio di fine stagione: al 13 novembre i pernottamenti conteggiati sono stati 55.154. Un dato in crescita negli ultimi 3 anni durante i quali i pernottamenti hanno sempre superato quota 50.000.

Per quanto concerne la distribuzione degli escursionisti le rilevazioni SAT riferiscono che il 70% delle presenze si concentra nell’area dolomitica dove sono presenti 14 rifugi SAT, il 18,6% sui ghiacciai dove si contano 8 rifugi di proprietà del sodalizio e l’11% in zona prealpina anch’essa con 8 rifugi targati SAT.

In crescita anche la tendenza al prolungamento della stagione con 10 rifugi che aprono i battenti prima del 1 giugno mentre il periodo di apertura sarebbe dal 20 giugno al 20 settembre. Inoltre 4 rifugi (quelli in prossimità degli impianti di risalita) rimangono sempre aperti, 3 strutture sono aperte nel periodo primaverile, 9 aprono tutti i weekend, 16 hanno chiuso dopo il 30 settembre e 17 esercizi hanno optato per periodi di apertura estesi. Per conoscere le rispettive date di aperture e chiusure basta andare sul sito www.sat.tn.it/rifugi e cercare i recapiti dei gestori, sia telefonici che e mail.

Il maltempo  di fine ottobre ha lasciato segni anche sui rifugi trentini. Tre quelli colpiti:  il rifugio San Pietro, dove è volata via qualche tegola, si è rotto un pannello fotovoltaico e intorno sono caduti parecchi alberi; l’Altissimo dove è stata danneggiata la bussola di ingresso e il Sette Selle, che ha dovuto rifare la canna fumaria della cucina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vi sono poi i lavori programamti di ristrutturazione: 14 strutture attendono interventi, anche rilevanti, di risanamento mentre i lavori al rifugio Boè sono quasi terminati. Serviranno invece altri due anni per il risanamento completo dei rifugi Peller, Cevedale, Tosa, Val di Fumo e per il Bivacco Costanzi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • M49 e JJ4: online la mappa per sapere dove sono

  • Dopo il caldo arrivano i temporali (anche forti): le previsioni per il weekend

  • 'Carne coltivata', è trentina l'unica azienda a occuparsene in Italia

  • Via Belenzani "bombardata": ecco le foto (ed il motivo)

  • Covid: tre dipendenti contagiati, albergo in "quarantena"

  • Migliaia di metri cubi di fango, roccia e alberi franano in valle: intervengono protezione civile e vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento