"Effetto Monti" sulle pensioni trentine: domande in calo del 43%

Rispetto ai 2276 assegni erogati nei primi sei mesi del 2011 si è scesi a 1301. Ad aumentare è l'età media: si passa dai 52 anni del 2002 ai 63 anni. L'importo mensile medio delle nuove pensioni è di circa 940 euro

Nel primo semestre del 2012 nel domande di pensione sono calate del 43% su base annua. Rispetto ai  2276 assegni erogati nei primi sei mesi del 2011 si è scesi a 1301. A rivelarlo sono i dati Inps.Il calo delle domande è dovuto all' effetto delle riforme varate dal Governo Monti. I dati mostrano che il crollo delle domande di pensionamento è maggiore in Trentino rispetto ai numeri dell'Alto Adige. Ad aumentare invece è l'età  media di chi va in pensione: si passa dai 52 anni del 2002 ai 63 anni. L'importo mensile medio delle nuove pensioni è di circa 940 euro.  Ad aumentare sono anche le domande di disoccupazione: quasi il 30% in più rispetto ai primi sei mesi dell'anno scorso.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento