menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente Mauro Bonvicin

Il presidente Mauro Bonvicin

Economia, grossisti trentini: «Basta ristori inutili ma aiuti concreti al commercio»

Bonvicin: «Chiediamo alla Pat la giusta attenzione anche per le nostre aziende che rappresentano una fetta importante del PIL provinciale sia in termini di personale che di contribuenti “corposi” per le casse provinciali»

Le conseguenze delle restrizioni anti-contagio da Covid sull'economia sembrano essere sempre più critiche, o almeno così riferiscono dal 2020 associazioni e confederazioni del settore. Un'altra nota di protesta è arrivata da Confcommercio Terntino nella mattina di giovedì 4 febbraio: da mesi l’associazione dei Grossisti e PMI del Trentino è impegnata su diversi fronti nel cercare di portare avanti le istanze del settore che, come altri, è stato colpito dalla pandemia in atto salvo però, di fatto, essere spesso escluso da sostegni e provvedimenti vari, siano essi di carattere provinciale o nazionale.

«Giustamente» sottolinea il Presidente dei Grossisti di Confcommercio, l'ingegnere Mauro Bonvicin - l’attenzione è concentrata su bar, ristoranti ed alberghi che sono i settori maggiormente colpiti. Ma va detto che anche tutte le aziende grossiste che forniscono in particolare il canale HORECA sono fortemente in difficoltà. Aziende quest’ultime che hanno una dotazione di personale importante oltre ad avere fatturati di un certo livello. L’impressione però sembra che proprio per quest’ultime peculiarità del nostro comparto, lo stesso non sia sostenuto in maniera adatta. Parliamo di aziende che detengono un portafoglio clienti che a causa dei DPCM e ordinanze varie è chiuso per oltre il 90%!».

La richiesta

«Siamo consapevoli delle difficoltà che la situazione attuale comporta» continua il presidente «ma va pure detto con fermezza che chiediamo alla Pat la giusta attenzione anche per le nostre aziende che rappresentano una fetta importante del PIL provinciale sia in termini di personale che di contribuenti “corposi” per le casse provinciali. Auspichiamo per questo che vengano adottati quanto prima strumenti di sostegno concreti onde evitare una deriva economica che, se non verrà contrastata in maniera adeguata, travolgerà inevitabilmente tutti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento