menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, igienizzazione per tutte le cabinovie ma il settore è in ginocchio

I sindacati: "Rischio recesso anticipato per 1.300 lavoratori", chiesta l'attivazione del Fondo di solidarietà

Il personale delle piste trentine è al lavoro in questi giorni per disinfettare e sanificare seggiovie e cabinovie. Una mossa che vuole comunicare al tempo stesso la massima attenzione sul fenomeno coronavirus ma anche l'infondatezza delle preoccupazioni che stanno portando i turisti a disdire le vacanze già prenotate in Trentino.

I sindacati chiedono l'istituzione di un fondo di solidarietà per i lavoratori del comparto degli impianti a fune, e paventano il rischio di recesso anticipato dei contratti, virtualmente per tutti i 1.300 occupati del settore, che sono pressochè tutti stagionali.

"Non va dimenticato, inoltre, che l'economia di molte vallate si basa sul turismo d'alta quota, sia esso estivo od invernale, e che il settore del trasporto a fune per ogni occupato ne genera, mediamente, altri 5 nell'indotto: dagli hotel, alla ristorazione, agli affittacamere, ai maestri di sci e al noleggio attrezzatura. Un problema che non può essere delegato alle sole società funiviarie" si legge nella nota della Cgil.

Chiaramente il settore neve non è l'unico a subire gli effetti dell'emergenza. L'intero comparto turistico è alle prese con disdette a cascata, anche sul lungo periodo. Il problema è nazionale: l'Italia viene ora percepita come un paese a rischio. A Venezia l'annullamento del Carnevale ha fatto saltare tutte le prenotazioni, che nel mercato online solitamente non prevedono un acconto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento