Treni rumorosi in via Lavisotto: il caso in Tribunale, cinque indagati

L'ipotesi di reato è "disturbo al riposo". Dopo anni di proteste i residenti ottengono, difesi dall'avvocato Mario Giuliano, un'udienza

E' di "disturbo al riposo delle persone" l'ipotesi di reato a carico di cinque funzionari delle Ferrovie, indagati per i continui rumori della linea ferroviaria in via Lavisotto, corso Buonarroti e via canestrini. Rumori insopportabili, tanto da spingere i residenti, che protestano ormai da anni, a deositare un esposto in Procura.

Ora quella "class action" ha portato il Pubblico ministero a convocare un'udienzasul caso, fissata per il prossimo 1° marzo. Una sessantina di residenti, ai quali potrebbero aggiungersene altri, sono difesi dall'avvocato Mario Giuliano. 

Nelle vie in questione la ferrovia passa, in linea d'aria, a poche decine di metri dalle case. Si tratta di uno snodo ferroviario importante, dove i treni passano a tutta velocità. Del caso si era occupata anche l'Appa, Agenzia provinciale per l'ambiente, registrando numerosi sforamenti del livello di decibel consentito. Ora la questione sarà affrontata in Tribunale. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Fuga di Gpl sulla Valsugana: bloccata anche la ferrovia Trento-Bassano

Torna su
TrentoToday è in caricamento