menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento: anche il Trentino nella prima indagine fatta dai cittadini

Prima indagine sulla qualità dell'aria nel Bacino Padano che coinvolge i cittadini di sette regioni italiane. Compilando un questionario si contribuisce ad una donazione per l'acquisto di un albero da piantare sulle Dolomiti

Anche il Trentino è coinvolto nella prima indagine sulla qualità dell'aria nel Bacino Padano che coinvolge i cittadini di sette regioni italiane. La campagna, chiamata 'Valuta l’aria', è la prima rilevazione sovraregionale sulla percezione della qualità dell’aria da parte dei cittadini ed è rivolta alla popolazione di Valle D'Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia. Ogni questionario ha un valore di 500 punti, che possono aumentare partecipando ad un gioco ultimata la compilazione: i punti saranno convertiti in donazione per l'acquisto di alberi da piantare sulle Dolomiti. L'obiettivo è raccogliere almeno 5.000 questionari con opinioni e suggerimenti sul tema dell’inquinamento atmosferico in quest’area e creare un'area boschiva per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

È possibile rispondere al questionario - anonimo e volontario - sul sito dedicato, oppure attraverso Facebook e gli altri social: è stata scelta una modalità di somministrazione multicanale per raggiungere un target vasto e rappresentativo e rendere così ancora più significative le informazioni raccolte. Il questionario è composto da 20 domande e suddiviso in quattro parti: una, più generica e introduttiva, dedicata all’aria e i cittadini, la seconda indaga la percezione della qualità dell’aria e delle principali cause dell’inquinamento, la terza valuta le azioni per contrastarlo, l’ultima traccia il profilo dell’intervistato. I risultati, elaborati e resi disponibili ad inizio 2019, saranno presi a riferimento pe impostare la campagna di comunicazione. Per ogni questionario compilato vengono assegnati 500 punti che contribuiscono ad alimentare una donazione effettuata da Life Prepair per l'acquisto di un albero da piantare nel nord Italia. 

Questi punti possono essere incrementati partecipando al gioco 'Pianta un albero', che viene proposto al termine della compilazione del questionario. Ogni 12.500 punti raccolti Life Prepair effettua una donazione per l’acquisto di un albero, fino ad un massimo di 250 alberi. Le piante vengono acquistate, piantate e monitorate in aree forestali di proprietà privata e comunali delle Dolomiti, le cui foreste sono state fortemente danneggiate nella recente ondata di maltempo. A seconda dell'effettivo numero di alberi che si riusciranno a piantare, in base al numero di questionari raccolti, il bosco contribuirà a catturare CO2 e pm10 e ad aumentare la biodiversità con specie autoctone. Bastano quindi 15-20 persone per raggiungere i punti per l'acquisto di un albero e la sua cura e manutenzione per sempre. Rispondendo al questionario e coinvolgendo più persone possibili si contribuisce concretamente al miglioramento del Bacino Padano come luogo in cui vivere e lavorare.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Attualità

Covid, il governo al lavoro per le riaperture: il piano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento