menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Presidio anarchici di fronte al Tribunale

Presidio anarchici di fronte al Tribunale

Anarchici: inizia il processo, presidio di solidarietà davanti al Tribunale

Inizia il processo per i sette arrestati dell'operazione "Renata"

Presidio anarchico davanti al Tribunale: dal primo mattino di venerdì 18 ottobre qualche decina di attivisti si sono ritrovati in Largo Pigarelli, di fronte al Palazzo di Giustizia di Trento per manifestare solidarietà con i sette compagni arrestati nel blitz del 19 febbraio scorso.

L'operazione "Renata" portò la Questura di Trento a scoprire un appartamento nel quale alcuni membri dei movimenti anarchici trentini vivevano insieme, a Bosco di Civezzano. Secondo gli inquirenti il "covo" della cellula anarchica serva anche per la produzione di documenti falsi e per la produzione di esplosivi.

Inizia il processo: ecco le accuse

Oggi, 18 ottobre, è iniziato il processo che vede i sette anarchici accusati di diversi episodi accaduti in Trentino: dalle molotov ritrovate sotto le auto della Polizia Locale a Trento alla bomba-carta alla sede della Lega di Ala, alla vigilia del comizio di Salvini, dall'incendio ai tralicci telefonici del Monte Finonchio a quello appiccato al Laboratorio di Crittografia della facoltà di Scienze a Povo.Per quattro di loro è scattata l'aggravante di terrorismo.

Operazione "Renata": ecco cosa scoprirono gli inquirenti

Tutti gli imputati si trovano ancora in carcere, dopo la decisione del Tribunale del Riesame che nel marzo scorso non aveva accolto la richiesta di scarcerazione, presentata dalla difesa, incentrata sul rigetto dell'aggravante di terrorismo.

"Se sono innocenti hanno tutta la nostra solidarietà, se "colpevoli" ancora di più". Questa la posizione degli anarchici tretnini, ribadita da uno slogan sullo striscione apposto di fronte all'ingresso del Tribunale. L'udienza dovrebbe essere a porte aperte. Due camionette della Polizia, con agenti in tenuta antisommossa, presidiano l'edificio. La prossima udienza è già stata fissata per il 26 novembre e potrebbe portare alla sentenza di Primo grado.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento