Cronaca Oltrefersina / Via al Casteller

M49 resta al Casteller: ecco la sentenza del Consiglio di Stato

La Provincia: "Riconosciuta piena legittimità". Gli animalisti: "Non significa che potrà essere fatto anche in futuro"

L'orso M49 rimane rinchiuso al Casteller. "Imprigionato", per gli animalisti ella Lega Nazionale Difesa del Cane che hanno presentato ricorso in appello. "Rimosso legittimamente in base ad un'ordinanza contigibile ed urgente" per la Provincia, che esprime soddisfazione per la sentenza con la quale il Consiglio di Stato, martedì 19 gennaio, ha respinto il ricorso animalista.

"Sussistono dunque nel caso di specie, secondo i giudici, i presupposti richiesti dall'ordinamento per l'adozione delle ordinanze in questione e cioè la necessità di prevenire ed eliminare i gravi pericoli che minacciano l'incolumità dei cittadini", si legge in una nota della Provincia. Una questione di incolumità pubblica, insomma, come più volte ribadito dal governatore Maurizio Fugatti.

Gli animalisti, però, mettono in guardia la Giunta: la sentenza non autorizza simili ordinanze in futuro, perché potrebbero non esserci i presupposti riscontrati dal Consiglio di Stato nel caso M49. "Questo passaggio è estremamente significativo. In Trentino, infatti, le rimozioni dei singoli esemplari per supposti motivi di “sicurezza pubblica” possono avvenire a prescindere da ogni seria e obbiettiva valutazione del danno globale portato allo stato di conservazione della colonia ursina che si è voluto reintrodurre nell’habitat alpino italiano", conclude la nota della Lega Nazionale per la Difesa del Cane. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M49 resta al Casteller: ecco la sentenza del Consiglio di Stato

TrentoToday è in caricamento