rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Telve

"Gli orsi ci sono anche in Valsugana, ma per i forestali sono top-secret"

Nel suo intervento il professor Michele Corti riporta le testimonianze di molti avvistamenti in Valsugana che la forestale tenderebbe a nascondere. Il sospetto è che gli spostamenti coatti di orsi dal Trentino occidentale, richiesti ieri da Rossi al Ministero, siano già in atto

Non è vero che gli orsi trentini siano tutti nelle vallate occidentali. Michele Corti, docente di agricoltura di montagna all'Università di Milano ed attento osservatore della realtà trentina, smentisce la geografia ufficiale della popolazione ursina in Trentino, più volte ribadita dai dirigenti provinciali e, giusto ieri, anche dal presidente Rossi che proprio con l'obiettivo di disperdere il più possibile i sessanta esemplari (questo il numero ufficiale, ma c'è chi pensa che siano molti di più) ha chiesto al Ministero la possibilità di effettuare spostamenti "artificiali".

Già, perchè per una femmina con cuccioli attraversare l'Adige e l'A22, che dividono in due il territorio, non è cosa facile. Eppure gli avvistamenti ci sono stati: l'ultimo è quello di Martignano, che tanta eco ha avuto sui giornali, ma tempo fa l'orso venne avvistato anche a Civezzano, Levico, Strigno, nonchè in Primiero, in Val dei Mocheni, in Val di Fiemme e nel Lagorai.

LA RISPOSTA DEL DIRIGENTE: "NESSUN ORSO IN TRENTINO ORIENTALE, SOLO CHIACCHIERE" clicca qui...

"In Valsugana  fioccano segnalazioni di avvistamento degli orsi che non sono state raccolte dai media, ed i forestali tengono nascosti i riscontri" questa la denuncia del prof Michele Corti, che ci ha inviato un approfondito articolo, pubblicato sul nostro nella sezione "Segnalazioni" (clicca qui). In particolare riporta due testimonianze: quella di un pastore di malga Cagnon, nel comune di Telve, che ha avvistato lo scorso 28 giugno una femmina con due cuccioli, e quella della titolare di un'azienda agricola di Borgo Valsugana che, dopo aver visto le impronte dell'animale, sarebbe stata invitata dalla forestale a tacere. In effetti la zona del Lagorai sarebbe perfetta, e forse già lo è, per gli orsi: è l'area più selvaggia e meno abitata di tutto il Trentino.

"A pensar male si fa peccato ma ci si azzecca" spiega Corti nell'articolo, "viene da pensare che quando l'assessore Dallapiccola parla  di una popolazione di orsi destinata a spalmarsi su tutto il Trentino egli faccia riferimento ad un'azione segreta di dislocazione già in atto da parte della Provincia: l'orsa e i cuccioli non saranno stati lanciati dagli elicotteri, ma, con un anonimo camion ben mimetizzato, sarebbero potuti arrivare nel Lagorai di nascosto". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli orsi ci sono anche in Valsugana, ma per i forestali sono top-secret"

TrentoToday è in caricamento