Meningite, Apss: "Niente allarmismi, allungano solamente le liste d'attesa"

Niente richieste indiscriminate, questo l'appello dell'Azienda sanitaria provinciale che precisa: "Non è in corso nessuna epidemia, nè in Trentino nè in Italia"

Nessun allarme meningite in Trentino: la precisazione arriva dall'Azienda sanitaria in seguito ai recenti casi verificatisi in Toscana e Lazio. 

"Da molti giorni - si legge in una nota - vengono riportate dai mezzi di informazione notizie su tutti i casi di meningite che si verificano quotidianamente in Italia, mettendo sullo stesso piano differenti malattie causate da germi molto diversi l’uno dall’altro: pneumococco, emofilo, meningococco e altri ancora. Tali notizie hanno sortito l’effetto di un “allarme meningite” e la percezione da parte di molti cittadini di un serio pericolo di epidemia in Italia. I dati invece dimostrano che non c’è nessuna epidemia in corso né in Italia né in Trentino e che i casi di meningite riportati rientrano nell’ambito del numero osservato negli anni precedenti".

In Trentino il vaccino per i principali tipi di meningite (da emofilo, pneumococco, meningococco) prevede la chiamata diretta da parte dell'Apss ai genitori dei bambini in età vaccinabile. "L’Azienda sanitaria - prosegue la nota - invita i cittadini a collaborare evitando la richiesta indiscriminata e immediata di vaccini contro la meningite, che determina la formazione di lunghe liste d’attesa e mette in crisi l’operatività dei servizi vaccinali; tale richiesta, nell’immediato, non è motivata in considerazione dell’assenza di pericolo epidemico e in molti casi non trova giustificazione in relazione all’età e al rischio individuale del richiedente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento