Lupo, Dallapiccola: "Chiesto l'abbattimento degli esemplari più dannosi"

Rchiesta al Ministero affinchè si applichi anche al lupo la famosa delibera, antecedente al caso Daniza, che consente alla Provincia di abbattere gli esemplari "dannosi"

"Nel resto d'Italia, nelle zone dove il lupo è presente, la situazione è più grave che in Trentino; stiamo collaborando con il ministro Galletti affinchè anche al lupo sia applicato lo stesso regime di deroghe previsto per l'orso, vale a dire la possibilità di rimozione e abbattimento degli individui considerati particolarmente dannosi".

Queste le  parole dell'assessore provinciale all'ambiente Michele Dallapiccola agli allevatori del passo Vezzena, teatro di incursioni recenti. Le armi migliori, è stato comunque detto durante  l'incontro, sono l'informazione, la prevenzione e l'assistenza. In qualche caso, aggiungiamo noi, anche il rimborso dei danni. Una soluzione a dir la verità non troppo sfruttata: lo scorso anno sono state presentate agli uffici provinciali 32 denunce di danno accompagnate da 30 richieste di indennizzo, a fronte delle quali sono stati erogati indennizzi per complessivi 34.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

Torna su
TrentoToday è in caricamento