La Giunta dimezza il Cinformi, via corsi di lingua e trasporti pubblici ai profughi

Entro un anno le risorse al Cinformi saranno dimezzate, ma il taglio dei servizi ai richiedenti asilo inizia subito: corsi di lingua, servizio di ascolto, tessere dell'autobus

Stop ai corsi di lingua italiana per i richiedenti asilo, come annunciato  in base ai taagli previsti dal Decreto Sicurezza, ma c'è di più: entro il Cinformi, struttura provinciale per i servizi agli stranieri, verràà dimezzato. E' quanto ha annunciato a margine della  riunione di Giunta il presidente della  Provincia  Maurizio Fuggabtti, che aveva già affrontato il tema in campagna elettorale. 

L'obiettivo è ridurre i servizi ai migranti accolti nel sistema provinciale: nei prossimi mesi saranno chiusi progressivamente i corsi di lingua, il servizio di supporto psicologico, e l'orientamento al lavoro. Servizi precedentemente inclusi nel percorso di richista di asilo politico. Il corso di italiano era obbligatorio. Via,  infine, le tessere pe il trasporto pubblico gratuito. 

Riduzione di risorse anche per l'accoglienza sul territorio: saranno progressivamente firmati i recessi daicontratti di affitto che la Provincia ha stipulato con privati, singoli o enti, per gli appartamenti sul territorio dove ospitare  i richiedenti asilo. L'idea è tornare a concentrare a Trento  la  maggior parte dei profughi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

Torna su
TrentoToday è in caricamento