Trovato il corpo dell'ex fidanzata nel bagagliaio, Ciccolini conferma le accuse a suo carico

In stato di fermo a Trento il 44enne Vittorio Ciccolini avrebbe confessato l'omicidio di Lucia Bellucci e l'occultamento del cadavere, trovato nella macchina a Verona con ferite da coltello

Sembra sempre più un caso di femminicidio quello consumatosi tra la Val Rendena e la città di Verona. Vittorio Ciccolini ha infatti confermato l'ipotesi accusatoria a suo carico per omicidio e occultamento di cadavere. La vittima è la 31enne Lucia Bellucci, originaria di Pergola (PU) dove era titolare di un centro dietetico. Avevano avuto una relazione, finita da tempo. L'uomo era andato a trovarla a Madonna di Campiglio dove lei si era trasferita dal paese marchigiano per prendere servizio come addetta al centro benessere dell'Hotel Chalet del Brenta, ma all'appuntamento di lavoro Lucia non è mai arrivata. Venerdì scorso infatti i due sono stati visti cenare insieme in un ristorante di Spiazzo Rendena, poi non se n'è saputo più niente fino al tragico epilogo di oggi. 

I Carabinieri hanno trovato il corpo di lei con diverse ferite di arma da taglio nel bagagliaio della bmw serie 1 cabrio con la quale erano stati visti partire dalla Val Rendena, dove presumibilmente si è consumato l'omicidio. L'auto è sata trovata a Verona in un garage non suo ma di cui Ciccolini poteva disporre. Al momento del ritrovamento l'indagato era in giro per le vie del cento cittadino. Subito rintracciato sembra abbia tentato di scappare alla vista dei militari dell'arma, che lo hanno prontamente fermato. E' stato poi trasferito a Trento dove nel pomeriggio ha confermato i reati di cui è accusato, in sede di interrogatorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noto avvocato, giocatore di tennis di livello (ha vinto il campionato nazionale AIAT, riservato a tennisti-avvocati), veronese, 44 anni, Vittorio Ciccolini è ora in stato di fermo, secondo il provvedimento emesso dal Procuratore Giuseppe Amato, a Trento. Altri particolari della vicenda saranno resi noti dal Comando dei Carabinieri (clicca qui per leggere l'aggiornamento).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento