Cronaca Centro storico / Via Camillo Benso Cavour

Scontri in pieno centro tra anarchici e polizia

Poliziotti in assetto antisommossa, fumogeni, petardi ed anche un lacrimogeno: scena surreale nel tardo pomeriggio di oggi in pieno centro storico. Dopo aver disperso la manifestazione con una carica gli agenti si sono dati all'inseguimento dei manifestanti sotto gli occhi sconcertati delle tante persone che affollavano le vie del centro nell'ora dell'aperitivo

Gli occupanti dell'ex asilo Manzoni, sgomberato questa mattina, si sono ritrovati nel tardo pomeriggio in piazza Santa Maria Maggiore. Dopo essere saliti al secondo piano di un edificio adiacente alla piazza, un palazzo abbandonato, hanno esposto uno striscione dalle finestre parlando al megafono con i tanti ragazzi che a quell'ora, erano circa le 19.30, si radunano nella piazza per l'aperitivo.

La polizia, intervenuta in assetto antisommossa, ha circondato i manifestanti, una sessantina circa, stringendoli verso il muro dell'edificio, e poi ha caricato. L'azione è stata fulminea, la carica è avvenuta senza il consueto avvertimento. Gli anarchici hanno lanciato bottiglie e altri oggetti contro gli agenti. E' stato anche sparato un petardo al quale la polizia ha risposto lanciando un lacrimogeno che ha disperso la folla. 

Alcuni manifestanti sono stati inseguiti, tra lo sconcerto delle molte persone in giro a quell'ora, lungo via Cavour fino in piazza Pasi dagli agenti con scudi e manganelli, ed anche bastoni di legno, come si vede nel video (clicca qui) registrato da un passante che lo ha poi pubblicato su facebook.

Successivamente sono stati chiamati ad intervenire i Vigili del Fuoco che hanno rimosso lo striscione e chiuso porte e finestre dell'edificio. Non si segnala nessun ferito negli scontri, nessuno dei responsabili dell'occupazione (se di questo si è trattato è  stata molto breve, in ogni caso è invasione di proprietà) è stato preso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri in pieno centro tra anarchici e polizia

TrentoToday è in caricamento