Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità Ledro / Mezzolago

Il covid blocca anche il Tuffo della Merla, gli organizzatori danno l'arrivederci all'anno prossimo così

Niente Tuffo della Merla, ma gli organizzatori non rinunciano a qualche scatto "balneare" nel pieno dello spirito goliardico che contraddistingue il tradizionale appuntamento

Niente tuffo della merla: a fermare gli impavidi tuffatori del lago di Ledro non è stato, chiaramente, il gelo ma il covid. Troppo complicato organizzare e gestire un evento che coinvolge ogni anno un centinaio di persone, oltre ai tanti curiosi, e che prevede, dopo il tuffo, un momento di convivialità a tavola al quale non si può rinunciare. La tradizione, per chi non la conosce, è la seguente: nei giorni più freddi dell'anno, i "giorni della merla" appunto, un gruppo di coraggiosi nuotatori si ritrova sulla riva del Lago di Ledro per un tuffo nelle acque gelide, decisamente corroborante. 

Giorni della merla: perché si dice così?

E' così da 12 anni, ma quest'anno anche i temerari organizzatori hanno dovuto arrendersi. "Il mondo aspetta, e così anche il Tuffo della Merla" si legge su Facebook. Hanno però voluto mettersi in gioco anche quest'anno per lanciare un messaggio di coraggio e di speranza a tutti i fan dell'iniziativa. Ecco allora comparire sulla superficie ghiacciata del lago sdraio, giochi da spiaggia e perfino un ombrellone. Del sole, scusate il gioco di parole, neanche l'ombra. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il covid blocca anche il Tuffo della Merla, gli organizzatori danno l'arrivederci all'anno prossimo così

TrentoToday è in caricamento