Tuffo della Merla a Ledro: in 93 nelle gelide acque del lago

Alla decima edizione si può parlare ormai di tradizione: lo dimostra il numero crescente di partecipanti, mai così tanti, dagli 8 ai 72 anni

foto dalla pagina facebook: Tuffo della merla

Tuffo nelle gelide acque del lago di Ledro ieri, domenica 28 gennaio, per 93 temerari in un "giorno della mmerla" particolarmentemite quest'anno: 7 gradi la temperatura dell'aria esterna al mattino (l'anno scorso la piattaforma in mezzo al  lago era ricoperta di ghiaccio), 2 gradi quella dell'acqua.

Una manifestazione che coinvolge sempre più appassionati ogni anni. Quasi un centinaio hanno preso parte all'edizione 2018, la decima, del tradizionale bagno da brividi. Tanti ledrensi e gardesani, ma anche persone provenienti da altre regioni, e da altri Paesi europei come Germania ed Inghilterra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dagli 8 ai 72 anni l'età degli arditi, segno che un bagno corroborante fa bene a qualsiasi età, soprattutto se fatto in compagnia e con spirito goliardico. E dopo  il tuffo la  ricompensa: la fumante polenta di patate  con tonco del pontesel servita  a tutti i tuffatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

Torna su
TrentoToday è in caricamento