rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Attualità

A Pieve Tesino e Pellizzano i fondi del Pnrr per la riqualificazione dei borghi

I due Comuni hanno partecipato al bando del ministero che finanzierà progetti locali di rigenerazione culturale

Non solo Palù del Fersina e la valle dei Mocheni a cui la Giunta ha deciso di destinare i 20 milioni di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per la riqualificazione dei borghi storici. Anche Pieve Tesino e Pellizzano riceveranno i fondi per l’attrattività dei borghi storici.

Pnrr, quanti soldi arriveranno in Trentino e come verranno spesi

I due Comuni hanno partecipato al bando del ministero per la cosiddetta “linea B”. I fondi assegnati dal Pnrr ai borghi (un miliardo di euro in tutta Italia) sono infatti divisi in due linee di intervento. La prima (420 milioni di euro) finanzierebbe solo 21 progetti, tra cui appunto Palù del Fersina. La seconda (580 milioni di euro) favorirà invece i progetti locali di rigenerazione culturale presentati dai Comuni, nonché le micro, piccole e medie imprese già presenti o che intendano insediarsi nei borghi selezionati.

Pieve Tesino ha partecipato con un progetto di riqualificazione di Villa Daziaro, simbolo dell’identità dell’altopiano del Tesino, dichiarata “di interesse culturale” dalla Soprintendenza, nonché emblematica dalla prosperità raggiunta sullo scorcio del XIX secolo dagli imprenditori tesini per secoli attivi nella filiera dell’immagine. Pellizzano è invece in lizza con un’iniziativa per la valorizzazione, anche attraverso il teatro e la creatività, del piccolo borgo storico di Termenago, centrata sul recupero della sua eredità sul piano culturale, storico e ambientale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Pieve Tesino e Pellizzano i fondi del Pnrr per la riqualificazione dei borghi

TrentoToday è in caricamento