Piena del Sarca: è stato l'evento più significativo dopo quello del settembre del 1999

Un sopralluogo per stimare i danni insieme ai tecnici della Provincia, al presidente Fugatti, all'assessore Zanotelli, al sindaco di Arco, al dirigente generale del Dipartimento Protezione civile, foreste e fauna Raffaele, al dirigente del Servizio Bacini montani Roberto Coali, al comandante dei vigili del fuoco di Arco e all'ispettore distrettuale

Il maltempo del primo fine settimana di ottobre è stato considerato il secondo evento più significativo in base alle registrazioni dell'idrometro di Sarche dopo quello del settembre del 1999. La piena del fiume di sabato 3 ottobre ha provocato danni ad Arco, in particolare nella zona di Pratosaiano, a Caneve e nel Linfano. Lunedì 5 ottobre è stato organizzato un sopralluogo al quale hanno partecipato il presidente Maurizio Fugatti e l'assessore all’agricoltura e difesa del suolo Giulia Zanotelli insieme ai tecnici provinciali, il dirigente generale del Dipartimento Protezione civile, foreste e fauna Raffaele De Col e il dirigente del Servizio Bacini montani Roberto Coali. Con loro il sindaco Alessandro Betta, il comandante dei Vigili del Fuoco di Arco Stefano Bonamico e l'ispettore distrettuale Marco Menegatti.

Il presidente Fugatti, nel ringraziare i vigili del fuoco e più in generale tutti gli uomini della Protezione civile impegnati ad affrontare l'emergenza, ha espresso tutta la collaborazione dell'amministrazione provinciale e delle strutture tecniche per le verifiche e gli eventuali interventi da attuare. «Dopo la tempesta Vaia - ha affermato Fugatti - abbiamo dato un preciso mandato alle strutture a tutela dell'incolumità pubblica, che è quello di intervenire sulla pulizia dell'alveo dei fiumi e lungo le strade del Trentino dove vi siano situazioni di rischio con piante vicine alla sede stradale. Sul fiume Sarca è già in programma un intervento, in base al piano di tagli provinciale».

I danni causati dal maltempo riportati anche dal settore agricolo, come riportato dal sito della Provincia, sono in fase di verifica per valutare l'eventuale attivazione di possibili indennizzi a fronte delle perdite avute, al netto delle coperture assicurative presenti. Inoltre, lo stesso giorno, la delegazione provinciale ha visitato alcune situazioni: Pratosaiano, dove il fiume ha colpito alcune campagne della zona e un'azienda agricola; Caneve dove invece sono state danneggiate abitazioni private e dove i vigili del fuoco hanno dovuto rinforzare gli argini del fiume con tre file di sacchetti di sabbia; e la località Linfano, dove a rischio erano le attività produttive della zona. Qui per arginare l'avanzata dell'acqua il personale dei Bacini Montani ha alzato la pista ciclopedonale lungo l'argine con 80 camion di materiale.

I tecnici provinciali hanno affermato che quello di sabato è stato un evento eccezionale e in parte imprevisto, soprattutto a causa delle precipitazioni che si sono verificate nella parte alta del bacino del Sarca e che non si sono trasformate in neve neppure in quota. La pioggia misurata a Malga Bissina, prossima al bacino del Sarca, ha registrato 205,4 mm, mentre la quota neve è sempre stata molta alta, in media sopra i 2800 m, con complessivamente circa il 40% di precipitazioni in più di quelle attese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'idrometro di Ponte del Gobbo, che esiste dal 1994, ha rilevato un'altezza dell'acqua pari a 3,10 metri, equiparabili a una portata di circa 550 mc/s, quando nell'evento del 1999 l'altezza era stata di 3,5 metri per una portata di circa 650 mc/s. Inoltre, dall'ufficio stampa della Provincia hanno sottolineato che la vicinanza con un altro momento critico, quello del 29 e del 30 agosto, durante il quale il Sarca ha sfiorato gli argini, rende fondamentale approfondire la situazione del corpo idrico e valutare i possibili interventi, primo fra tutti quello della pulizia dell'alveo, già peraltro programmata in base al piano di tagli provinciale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Bollettino coronavirus in Trentino: altri 3 morti, la Provincia annuncia nuovi provvedimenti

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

  • Tenna, incidente mortale in tarda serata: la vittima è Luca Maurina

  • Coronavirus e Dpcm: una via trentina per scuola e ristorazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento