Attualità

Europei di ciclismo, agricoltori chiedono soluzioni per evitare disagi alla raccolta della frutta

Le modifiche alla viabilità previste per la manifestazione rischiano di incidere sulla circolazione dei mezzi agricoli

I campionati europei di ciclismo, in programma a Trento e dintorni dall'8 al 12 settembre, rischiano di impattare fortemente sull'attività agricola della zona, oltre che sulla viabilità del territorio.

Forte preoccupazione è stata espressa in merito dai vertici delle cooperative agricole, in quanto i giorni della competizione coincidono con quelli della raccolta della frutta, e le limitazioni al traffico creerebbero non pochi disagi anche per la circolazione di trattori e camion dedicati.

Nel pomeriggio di mercoledì 11 agosto, i rappresentanti delle cooperative agricole interessate dal percorso di gara hanno incontrato i rappresentanti del Comune di Trento, della polizia e del comitato organizzatore per mettere la questione sul tavolo. Presenti il direttore generale della Federazione trentina della cooperazione Alessandro Ceschi, Maurizio Evangelista, direttore organizzativo dei Campionati europei di ciclismo, Lorenzo Libera, presidente Cavit, Luca Rigotti, presidente Mezzacorona, Riccardo Forti, presidente Società Frutticoltori Trento, Damiano Dallago, presidente della Cantina di Aldeno e Alfredo Albertini, direttore della Cantina di Trento.

Con loro i rappresentanti dei Comuni coinvolti: Salvatore Panetta assessore allo sport del Comune di Trento, con il dirigente del servizio Gabinetto e pubbliche relazioni Paolo Frenez, il vicecomandante della Polizia Locale Alberto Adami, il commissario Pierangelo Vescovi e la sindaca di Aldeno Alida Cramerotti.

Come detto, i giorni di gara coincidono con un periodo intenso di impegni anche per il mondo agricolo, considerato che sono programmate alcune fasi fondamentali della raccolta, della vendemmia e della vendita della frutta i cui tempi, come immaginabile, non possono essere procrastinati o rinviati, pena un calo della qualità dei prodotti e quindi della reddittività del lavoro di un anno.

I Campionati limiteranno la viabilità in aree vocate all’agricoltura, come quella a sud di Trento (Ravina, Aldeno, Mattarello), la Valle dei Laghi e la collina ad est di Trento, che resteranno aperte ad intermittenza per garantire la sicurezza degli atleti.Nell’incontro sono state illustrate le opportunità di conoscenza internazionale del nostro territorio e il grande potenziale promozionale di questo evento, sia in chiave turistica sia in termini di indotto economico.

I rappresentanti delle cooperative hanno esposto nel dettaglio i disagi causati dalle limitazioni alla viabilità, ed hanno raccolto la disponibilità del Comune di Trento, della Polizia Locale e del Comitato organizzatore ad un nuovo incontro operativo in cui verrà analizzato ogni caso, con la volontà di individuare e definire nei particolari tutte le soluzioni alternative possibili per mitigare gli effetti negativi dati dai limiti della circolazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europei di ciclismo, agricoltori chiedono soluzioni per evitare disagi alla raccolta della frutta

TrentoToday è in caricamento