Bar e ristoranti: nuova ordinanza del sindaco Ianeselli

Misure più restrittive, alla luce del nuovo Dpcm, che sostanzialmente estendono a tutta la città l'ordinanza "anti-movida" di inizio ottobre

Esteso a tutta la città, come del resto prevede il nuovo Dpcm, il divieto di vendita alcolici da asporto prima limitato alle sole zone della "movida" a Trento.

Coronavirus: annullati i Mercatini di Natale

Con nuova ordinanza, che revoca quella dell’8 ottobre scorso, il sindaco Franco Ianeselli ha stabilito fino al 31 gennaio 2021 compreso, nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico all’interno del territorio comunale:

  • il divieto di vendita per asporto (anche attraverso distributori automatici) di bevande alcoliche e superalcoliche dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo
  • il divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo (sia alcoliche che non) ed il consumo delle stesse dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo.

All’interno delle attività commerciali ed artigianali del settore alimentare è ammesso il consumo sul posto fino alle ore 18. Nei locali sede di pubblici esercizi di somministrazione e nelle aree concesse e/o adibite a plateatico degli stessi, è invece consentito usufruire dei servizi di ristorazione senza consumo al tavolo fino alle ore 18 e con consumo al tavolo fino alle ore 24.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

Torna su
TrentoToday è in caricamento