Coronavirus, scoppia focolaio a Telve: indagini in corso

Dopo i primi casi risultati positivi, è stata fatta una prima indagine di contact tracing, ma dall'Apss verrà approfondita la questione

Un nuovo focolaio è scoppiato a Telve, in Valsugana. È stato reso noto martedì 17 novembre, durante la diretta facebook sulla pagine della Provincia autonoma di Trento dove hanno preso parola il presidente Maurizio Fugatti, il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss (Azienda provinciale per i servizi sanitari) Antonio Ferro e il sindaco di Castello Tesino, Graziella Menato. A Telve, il focolaio si è sviluppato all'interno della casa di riposo delle suore di Maria Bambina, le persone risultate positive al coronavirus e nel report quotidiano del 17 novembre, sono 62.

Un'indagine di contact tracing, come di norma in questi periodi, attivata allo sviluppo dei primi casi e che con grande probabilità si estenderà. Intanto Ferro ha parlato di indagini volte a capire cosa sia potuto accadere in quella struttura, perché i casi sono davvero molti ed è importante comprendere come il virus sia arrivato e si sia sviluppato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento