Sci di fondo: la Venosta porta bene al team Robinson trentino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Seconda “trasferta” per il Team Robinson Trentino lo scorso weekend in Vallelunga alla inedita “La Venosta”, tappa di Visma Ski Classics, a cui si sono aggiunte anche una gara amatoriale in classico ed una in tecnica libera del circuito “Challenger”. Gara spettacolare, quella di sabato scorso, bella ma altrettanto dura, soprattutto per chi non è ancora al top della forma. 34 chilometri ma con salite davvero impegnative e con le classifiche che, al vertice, hanno presentato non poche sorprese. È stato così che il russo Ermil Vokuev si è messo dietro i norvegesi Petter Eliassen e Morten Eide Pedersen, ed è stato così che la norvegese Astrid Slind ha interrotto la striscia vincente della svedese Britta Norgren, terza l’altra norge Kari Gjeitnes. Il team manager Bruno Debertolis fa il punto: “A mio avviso bell’inizio di stagione, un po' di fortuna in più e avremmo avuto in casa il pettorale verde sprint. Panzhinskiy è caduto a Livigno al primo km, poi essendo partito dietro ha dovuto rimontare tutto il gruppo, nuova caduta, nuova rimonta, primo sprint in testa, poi per la fatica è rimasto sulle ginocchia per il secondo sprint... Comunque abbiamo i giovani in netta crescita, Busin molto concreto con il miglior risultato di carriera sabato a La Venosta, Cappello alla prima gara della vita in double poling è già da top 50, Caminada migliorata a livello tecnico e di gestione della gara chiude fra le top 25, miglior risultato per lei in Visma Ski Classics, Panisi a Livigno è stato una sorpresa, a mio avviso la più bella realtà del momento nelle granfondo in Italia, da primi 20 in ogni gara e lo dimostrerà, Tanel uomo squadra, bel personaggio positivo dentro e fuori le piste. Kowalczyk è la nostra stella, anche se in ritardo di preparazione e con altre ambizioni rispetto al passato è ancora da top 10 o quasi. Bella sorpresa di Caterina Piller, che nella sua prima vera gara lunga porta a casa una bellissima vittoria, fiducia e stimolo per il futuro magari nella categoria assoluta tra gli elite, e poi un grande Cappello anche in skating, a lungo in testa e poi quarto, senza dimenticare Tanel che ha nelle gambe una dura stagione di skiroll culminata con un oro ed un argento mondiali, davvero un emblema per il nostro team. Quest’anno il gruppo è nettamente più sereno, si vive in un bel clima famigliare e di vera passione. Si ride, si scherza, ci si diverte e questo non può che giovare per il proseguo della stagione”. La vittoria di Caterina Piller nella gara amatoriale in classico segna una pietra miliare nella sua carriera, le lacrime di commozione al traguardo lo dimostrano e lo dimostra l’abbraccio con papà Sergio, che da severo tecnico per un attimo si è calato nel ruolo dell’affettuoso e commosso papà. Domenica Florian Cappello nella sua vallata, la Val Venosta, cercava di far bene, ha speso tanto nei primi tre giri a dettare il ritmo, poi il gioco di squadra dei francesi lo ha relegato al quarto posto, non male, nemmeno per i suoi fans venostani. Sorriso anche sul viso del presidente del team Giovanni Casadei: “Sicuramente questo weekend per noi è da incorniciare. I ragazzi e le ragazze si stanno impegnando molto, sono convinto che tra qualche settimana potremo fare ancora meglio. Vorrei ricordare anche i nostri partners che ci consentono di gestire al meglio il team, ovvero Robinson Pet Shop e l’altro main sponsor “Trentino”, ma anche gli sponsor tecnici come Kayak, Nones Sport, Oka One, Keforma, Globulo Nero, Lill Sport, Marcialonga, KV+, Sicleri, Gekko, Lapponia Sport e Super Nordic Skipass, oltre agli altri partner commerciali Natural Code, Badiali, Toto, Zoofilia, Imac, Oasi, Prolife, Ferribiella, Lanterna Verde, Rotalnord, BeB Legno e Hotel Isolabella. Prima di Natale niente gare, solo tanto allenamento per tutti, un sacco di auguri ed un in bocca al lupo per un 2020 proficuo.” Info: www.robinsonskiteam.com

I più letti
Torna su
TrentoToday è in caricamento