Basket

LBA, la Dolomiti Energia Trentino batte il primo grande colpo di mercato

Coach Galbiati: "Mi aspetto un giocatore con delle motivazioni extra, pronto a mettersi al servizio della squadra ma con anche tantissimo desiderio di fare bene a livello personale"

È Davide Alviti, ala italiana di 200 centimetri di altezza per 92 kg di peso, il primo volto nuovo per la stagione 2023-2024 della Dolomiti Energia Trentino. Lo comunica il club in una nota di stampa.

Per il tiratore, che nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia dell’Olimpia Milano in Serie A ed Eurolega, oltre ad essere anche nel giro della Nazionale italiana, un contratto fino al 30 giugno 2025.

Con la squadra Campione d'Italia Alviti ha contribuito a vincere due Scudetti e una Coppa Italia, scendendo in campo 56 volte tra campionato e coppe nazionali e giocando 11 partite in Eurolega.

Davide Alviti ha cominciato a giocare ad Alatri, in provincia di Frosinone: dal 2011 al 2015 ha giocato nell’Eurobasket Roma, debuttando anche in Serie A con la Virtus Roma nel 2013-14.

Nel 2015 si è spostato a Mantova, una delle quattro formazioni di Serie A2 con cui ha giocato consecutivamente (dopo Mantova, a Tortona, Imola e Treviso con cui ha vinto il campionato e la Coppa Italia di A2 nella stagione 2018-19).

La stagione successiva è arrivato il ritorno in Serie A sempre con la maglia di Treviso, nel 2020-21 invece Alviti è passato a Trieste dove sempre nella massima serie ha segnato 10,5 punti a partita con il 44.2% da tre e catturando quasi 5 rimbalzi di media.

L’ala classe ’96 è anche un atleta nel giro della Nazionale italiana, con cui ha debuttato il 30 novembre 2020 a Tallinn: in totale sono state 8 le sfide ufficiali in cui Alviti ha giocato per l’Italia tra qualificazioni agli Europei 2022 e ai Mondiali 2023 (37 i punti segnati complessivamente).

"Sono molto felice della firma di Davide - dichiara Coach Galbiati - mi aspetto un giocatore con delle motivazioni extra, pronto a mettersi al servizio della squadra ma con anche tantissimo desiderio di fare bene a livello personale. Sono convinto che negli ultimi due anni sia cresciuto sotto l’aspetto della mentalità, che già era molto buona, avendo potuto confrontarsi e condividere lo spogliatoio con giocatori e uomini di assoluto valore. Benvenuto Davide!".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LBA, la Dolomiti Energia Trentino batte il primo grande colpo di mercato
TrentoToday è in caricamento