menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Olio esausto: in Trentino raccolte 1.240 tonnellate

I dati diffusi da COOU nell'ambito della campagna CircOLIamo parlano di una crescita costante, negli ultimi 10 anni, della raccolta di lubrificanti per motori, altamente inquinanti. L'appello: "No al fai da te"

Oltre 1.240 tonnellate di oli lubrificanti usati raccolte in Provincia autonoma di Trento nel 2016, su un totale di 2.553 tonnellate recuperate nella Regione Trentino-Alto Adige. Sono i dati resi noti dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati nell’ambito di CircOLIamo, la campagna educativa itinerante che punta a sensibilizzare l’opinione pubblica e le amministrazioni locali sul corretto smaltimento dei lubrificanti usati. Nella mattinata di giovedì i ragazzi delle scuole hanno visitato il villaggio CircOLIamo partecipando agli educational loro dedicati e sfidandosi a “Green League”, il progetto che prevede un sistema di giochi online finalizzati all’educazione ambientale. 

Nel 2016 il Consorzio, che coordina l’attività di 74 aziende private di raccolta e di 4 impianti di rigenerazione distribuiti sul territorio nazionale, ha raccolto in tutta Italia 177.000 tonnellate di olio lubrificante usato, un risultato vicino al 100% del potenziale raccoglibile, con un dato di prodotto avviato a rigenerazione superiore al 95%. "La piccola parte che sfugge ancora alla raccolta si concentra soprattutto nel ‘fai da te’: per intercettarla abbiamo bisogno del supporto delle amministrazioni locali per una sempre maggiore diffusione di isole ecologiche adibite anche al conferimento degli oli lubrificanti usati” ha spiegato Elena Susini, responsabile della campagna.

"La raccolta degli oli usati in Trentino, compresi quelli di tipo alimentare, - spiega l'assessore provinciale all'ambiente Mauro Gilmozzi - è in crescita costante dal 2004, grazie al progressivo completamento della rete dei centri di raccolta, oggi presenti ovunque, e alla crescente sensibilità della popolazione in materia di protezione dell'ambiente e, in generale, di gestione intelligente del ciclo dei rifiuti. Grazie alla collaborazione attiva dei nostri concittadini, che si nota anche nei livelli di raccolta differenziata, oggi possiamo dire che il Trentino è una terra virtuosa. Questo non significa che non dobbiamo continuare ad investire in informazione e cultura ambientale". 
Per l'assessore all'ambiente del Comune di Trento Andrea Robol "la raccolta dell'olio usato è una delle priorità tra la raccolta differenziata dei rifiuti per la città di Trento. Nel 2016 infatti sono state ben 22,565 le tonnellate raccolte. Presso tutti i CRM, per i cittadini, ed il CRZ, per le imprese, è possibili conferire comodamente gli oli esausti." 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento