Un gruppo di fotografi "cattura" la lince dell'Alto Garda

Nuovo, raro, avvistamento nell'Alto garda: immortalata dalle fototrappole di un gruppo di naturalisti bresciani

La lince immortalata dalle fototrappole di Hidden Garda

Poche, ma spettacolari, immagini. Protagonista ancora lei: la lince dell'Alto Garda. Presente ormai da un decennio in zona, ma gli avvistamenti si contano sulle dita di due mani. Questa volta sono stati i coraggiosi fotografi naturalisti di Hidden Garda a "catturare" l'esemplare sul versante bresciano, all'interno del Parco Alto Garda.

Il gruppo è attrezzato con una decina di fototrappole, che coprono più o meno tutto il territorio del Parco (su Facebook trovate la loro pagina e le loro splendide foto). A margine dell'ultima eccezionale fotografia, non viene ovviamente rivelato dove fosse stata posizionata. Nel mirino ci è finito, anzi ci è tornato, l'esemplare maschio di lince che tutti conoscono come B132.

Lince B132: un maschio "condannato" alla solitudine

La lince B132, questo il "nome in codice" dell'esemplare, era stata avvistata e ripresa dalla fototrappola due volte nel 2014. Poi nulla fino al 2017, quando ricomparvero delle foto scattate in Val D'Ampola, e poi nuovamente nel 2018 in Valle del Chiese. L'ultima segnalazione risaliva a sei mesi fa, sempre nella zona di Ledro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ un animale solo - spiega il Servizio Foreste e Fauna della Provincia di Trento - dunque per il momento non in grado di riprodursi e di dare continuità alla presenza della specie. La conferma della sua presenza costituisce però un segnale positivo sia in termini di qualità dell’ambiente che lo ospita che dal punto di vista del rispetto nei suoi confronti dimostrato dai cacciatori, che hanno collaborato da sempre al monitoraggio dell’animale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Giornate Europee del Patrimonio 2020: in Trentino musei aperti e attività al Mart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento