La lince è tornata in Trentino

Forse lo spostamento è dovuto all'incendio che ha devastato i boschi di Tremalzo, dove la lince si era stabilita da qualche anno

La lince è ancora in Trentino: a comunicarlo è il Servizio Foreste e Fauna della Provincia autonoma di Trento sulla scorta delle immagini riprese dalla fototrappola di un cacciatore di Storo, Tullio Balduzzi, che ha segnalato alla forestale la presenza del felino nella zona del Basso Chiese (vedi foto in fondo all'articolo).

Si tratta dell'esemplare B132, arrivato in Trentino dopo aver attraversato le Alpi: si tratta infatti di una delle linci appartenenti ad una piccola popolazione presente in Svizzera, nella zona del canton S. Gallo, dove sono state reintrodotte più di un decennio fa. 

Il primo avvistamento in Trentino risale al 2008: il maschio B132 fu avvistato in Alta Val di Sole. Negli anni successivi i suoi spostamenti sono stati monitorati grazie al radiocollare applicato dal personale del Servizio Foreste e Fauna. 

Nel 2012 la lince frequentò la zona del Basso Chiese per poi spostarsi nei boschi di Tremalzo, in territorio bresciano. Questo è il primo avvistamento in territorio trentino dal 2015, sebbene nella primavera del 2017 siano state ritrovate delle impronte riferibili allo stesso esemplare in Val d'Ampola. Forse lo spostamento è dovuto all'incendio che a devastato i boschi di Tremalzo nei primi giorni di novembre.

lince-2-5

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento